Resta in contatto

Approfondimenti

Accadde oggi – Roma-Lecce 2-3, i salentini rappresentarono l’indimenticabile incubo romanista

L’incrocio all’Olimpico tra Roma e Lecce rievoca il ribaltamento del trionfo annunciato. Uno stadio pieno in ogni ordine di posto fu ammutolito dall’inaspettata sconfitta contro una squadra già retrocessa da tempo. Fu una delusione cocente per una squadra forse unica nella sua storia.

Il primo campionato del Lecce in A, tutt’altro che felice dal punto di vista del rendimento, con la mesta retrocessione raggiunta con soli 16 punti all’attivo, vide solo 5 vittorie nella massima serie. Una di queste resterà negli annali per cornice e avversario. I salentini, nel penultimo turno, batterono la Roma lanciatissima verso il titolo. Tutto lasciava presagire a una giornata agevole per i capitolini, opposti a una squadra già ampiamente in Serie B.

L’ATTESA. La Roma, che rimontò nel girone di ritorno sulla Juventus, confezionò una cavalcata tenuta però sempre in serbo, un po’ per scaramanzia un po’ per “paura di festeggiare”. Tutto però si sciolse nei giorni che precedevano Roma-Lecce. Boniek, rappresentativo calciatore romanista, lanciò i primi proclami e in tutta la sponda giallorossa del Tevere fervevano i preparativi per eventuali festeggiamenti. La Juve, deteriorata nel finale, sembrava ormai prossima alla resa.

LA PARTITA. Il 20 aprile, Roma-Lecce sembra una gara annunciata. Nel sole dell’Olimpico, il piccolo Lecce sembra una vittima sacrificale. E tutto sembra confermato dopo 7 minuti: colpo di testa di Graziani e Ciucci battuto per il visibilio dei 65mila. Alberto Di Chiara, ex romanista, incorna poi in rete un cross di Miceli. Sarà il punto di non ritorno. Roma scossa, ferma sulle gambe. Pasculli, che in estate diverrà campione del mondo con l’Argentina, si guadagna un rigore e Barbas, il suo “gemello” argentino al Lecce, realizza anche per lanciare un segnale a Bilardo, tecnico dell’albiceleste, che lo lasciò a casa. Tancredi spiazzato.

FINE. Barbas è furente e la Roma incassa l’1-3 su assist di Di Chiara. Nel frattempo, da Torino, la Juventus passa in vantaggio sul Milan. Dai calcoli in campo per non perdersi l’eventuale spareggio (o la festa-scudetto) si passa al dramma. Pruzzo, a 9′ dalla fine, mette dentro il 2-3 di petto dopo un colpo di testa di Tovalieri. Ma tutto è ormai passato. L’ultima giornata, ironia della sorte, segnerà il definitivo passaggio di consegne. La Roma, distrutta, perde anche a Como (0-1), mentre la Juve vince proprio a Lecce. Il punteggio? Il fatidico 3-2.

Il tabellino

Roma, Stadio Olimpico – domenica 20 aprile 1986

ROMA-LECCE 2-3

ROMA: Tancredi, Gerolin, Oddi, Boniek, Nela, Righetti, Graziani, Giannini (8’st Conti), Pruzzo, Ancelotti, Di Carlo (22’st Tovalieri). Allenatore: Eriksson.

LECCE: Ciucci (26’pt Negretti), Vanoli, Colombo, Enzo, Di Chiara I, Miceli, Raise, Barbas, Pasculli, Nobile (20’st Paciocco), Di Chiara II. Allenatore: Fascetti.

ARBITRO: Lo Bello di Siracusa.

RETI: 7’pt Graziani, 34’pt Di Chiara II, 42’pt e 8’st Barbas, 37’st Pruzzo.

NOTE: Ammoniti: Graziani, Conti, Vanoli, Raise.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti