Calcio Lecce
Sito appartenente al Network

Sansone ospita il Bologna: è ritorno al passato

La partita di domenica contro i felsinei sarà l’atteso appuntamento da ex per il 32enne

Nicola Sansone affronta il Bologna nel più classico degli incroci con il passato. Dopo quattro anni all’ombra delle due Torri, l’eclettico giocatore offensivo nato a Monaco ha accettato l’offerta del Lecce. I giallorossi hanno riposto fiducia nell’esperienza e nella qualità di Sansone, acquistandolo a parametro zero per dare compattezza e colpi di genio a un attacco giovane.

Il Bologna ha riportato Sansone in Serie A nel calciomercato invernale del 2019 dopo l’inizio della terza stagione senza grandi apparizioni con il Villarreal. Nella stagione in cui il suo primo allenatore rossoblu Filippo Inzaghi è stato sostituito da Sinisa Mihajlovic, l’attaccante ripartì da titolare nel tridente offensivo con Palacio e Orsolini aiutando i felsinei a risalire fino a metà classifica e guadagnandosi la conferma ratificata con il riscatto di 9 milioni versati dal club petroniano. Nel 2019/2020, la stagione in cui Mihajlovic si ricoverò per la prima volta a causa del brutto male che lo ha portato via, 4 gol e 4 assist in 33 apparizioni da punto fermo della fascia sinistra nell’attacco bolognese. Problemi fisici e la presenza in attacco di Barrow, Skov Olsen e Vignato ridussero il minutaggio di Sansone nel 2020/2021: dai 2271 del campionato inframezzato dal lockdown si passò a 1163’.

Di 27 caps nel 2021/2022, solo 7 furono da titolare. Negli assetti del Bologna, 13° quell’anno, Sansone diveniva sempre più un apriscatole da lanciare in campo a gara in corso. Nelle 119 presenze con 14 gol al Bologna, uno è decisivo per l’assegnazione dello scudetto al Milan. Il 28 aprile, si gioca Bologna-Inter 2-1 e Sansone approfitta del pasticcio di Radu per quello che è il gol più importante della carriera. L’anno scorso, l’ultimo a Bologna, tanta tenacia e 4 centri in 18 presenze. A Bologna, Sansone ha vissuto una fase della maturazione sportiva in cui è diventato un elemento tatticamente prezioso e imprevedibile con assist per i compagni. I numeri a volte sono freddi, ma quattro stagioni nella parentesi più lunga di una carriera da giramondo non si dimenticheranno mai.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Io mi gioco un suo gol 😅

Articoli correlati

Gli emiliani sono pronti a cambiare guida tecnica dopo la brutta sconfitta interna di sabato...
L'ex capitano giallorosso nel corso della sua carriera ha battuto l'Inter al Via del Mare...
Il nostro consueto buongiorno con la rassegna stampa delle principali prime pagine dei quotidiani sportivi...

Dal Network

I campani restano al palo anche nella partita casalinga contro il Monza. Parole senza filtri...
Il difensore dell’Hellas ha parlato della complessa sfida di venerdì contro il Bologna, ma anche...
Il difensore leccese, condottiero della difesa degli azzurri toscani, ha parlato a Radio Serie A...
Calcio Lecce