Calcio Lecce
Sito appartenente al Network

Qdp – Sensibile: “Contro il Pordenone si è visto un Lecce provvisorio. Ho avuto l’impressione di un Mancosu frastornato…”

L’ex allenatore giallorosso Aldo Sensibile commenta a Il Quotidiano di Puglia (intervista di Antonio Imperiale) la prima uscita del Lecce contro il Pordenone.

UN LECCE PROVVISORIO. «Una giornata con il carattere della provvisorietà, come è giusto che sia nella fase di avvio, in particolare in questa stagione che risente del Covid, e con la testa altrove per via del mercato ancora in corso. Provvisorio soprattutto il Lecce con tanti ragazzi arrivati da campionati diversi, alcuni giovani non ancora abituati al nostro calcio eppure ammirevoli e che non sa ancora quanti resteranno degli uomini più significativi della scorsa stagione».

LECCE-PORDENONE. «Contro il Pordenone di Tesser, uno molto bravo con il quale vincemmo il campionato quando ero a Novara, si è visto un Lecce già con qualche luce, inevitabilmente con qualche ombra. Corini ha già fatto tanto, considerato che ci è arrivato con poche amichevoli, con giocatori giunti nel Salento il giorno prima della gara. Le sirene del mercato forse condizionano. Ho avuto l’impressione di un Mancosu frastornato, non c’era Falco che è uno che eleva il tasso tecnico e fa la differenza. Starà sognando anche lui la serie A. Se resta sarà il miglior acquisto giallorosso. Ma devono restare tutti con la mente libera, votati ad un’altra grande impresa. Mi pare di aver visto qualche lentezza nella fase centrale della difesa. Occorre accelerare. Dei ragazzi nuovi mi è piaciuto il polacco ma aspettiamo per giudicare. Il campionato è lungo e se si punta a vincerlo servono alcuni di quei “colpi” che Corvino sa mettere a segno. Ci vuole qualche “botta” buona. Il Lecce è ancora come una casa in costruzione. Corvino ne farà un bel palazzo, forte delle sue conoscenze e della sua abilità».

DOPO LA COPPA ITALIA, DOPPIA TRASFERTA CONTRO ASCOLI E BRESCIA. «Conto di esserci contro l’Ascoli. In cinque anni ho vinto tre campionati, con Mimimo Renna, con Boskov, e da direttore sportivo con Sonetti. E’ una partita da dedicare al nostro grandissimo Mimmo Renna, che ad Ascoli ha scritto favole stupende. Sarebbe bello onorarlo con una grande prestazione e magari un grande risultato. Ha spaventato il Brescia. Ha fatto dei buoni acquisti. Sarà già una gara più significativa con qualche insidia per il Lecce che magari avrà già altre frecce per l’arco di Corini, il quale peraltro ha detto già di pensare ad una squadra “uso esterno”».

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dopo due sconfitte in trasferta, i giallorossi sono attesi dalla sfida contro la capolista del...
La convocazione in prima squadra del 18enne entra negli almanacchi della squadra giallorossa...
La squadra neroazzurra ha raggiunto Lecce in serata. Inizierà il tour de force in campionato...

Dal Network

I campani restano al palo anche nella partita casalinga contro il Monza. Parole senza filtri...
Il difensore dell’Hellas ha parlato della complessa sfida di venerdì contro il Bologna, ma anche...
Il difensore leccese, condottiero della difesa degli azzurri toscani, ha parlato a Radio Serie A...
Calcio Lecce