Calcio Lecce
Sito appartenente al Network

GdM – Miggiano: “Il Lecce attuale è più equilibrato di quello di Liverani”

L’ex calciatore giallorosso Roberto Miggiano parla a La Gazzetta del Mezzogiorno (intervista di Antonio Calò) del Lecce di oggi.

UN LECCE EQUILIBRATO. «Quello visto all’opera nelle ultime gare è stato un Lecce equilibrato, che sembra avere trovato la via maestra tra la fase di possesso e quella di non possesso, continuando ad essere molto positivo ma, allo stesso tempo, concedendo poco agli avversari.  Questo aspetto è fondamentale, come quello di avere sfruttato con più efficacia le opportunità create. La strada, pertanto, è senza dubbio quella giusta. Ora si tratta di continuare in questa direzione, di consolidare il percorso, migliorando ulteriormente e centrando altri risultati importanti grazie ai quali accrescere la consapevolezza nei propri mezzi di un gruppo che è innegabilmente molto forte».

DIFFERENZE CON IL LECCE DI LIVERANI. «Fatte le debite differenze tra A e B, come atteggiamento tattico, il Lecce attuale mi sembra più equilibrato di quello di Liverani.  Difficilmente, oggi, Mancosu e compagni subiranno delle ripartenze da parte degli avversari con una soverchiante inferiorità numerica, com’è invece accaduto nel 2019/2020».

SABATO LA REGGIANA POI UN CICLO DI FUOCO. «Pur essendoci delle gerarche che, nel lungo periodo, sono bene espresse dalla graduatoria, tra i cadetti, a differenza di quanto accade in massima serie, tra le varie compagini non c’è mai un divario netto. Non ritengo quindi che la sfida con la Reggiana sia meno delicata di quelle successive. Bisogna prepararsi ad ogni confronto con la medesima attenzione e con la stessa concentrazione e poi bisogna scendere in campo sempre con la massima carica, senza badare alla posizione occupata dai rivali. In A, invece, tra le big e gli schieramenti di seconda fascia il gap è, almeno sulla carta, molto marcato».

CI VUOLE CONTINUITA’. «Proprio così, per approdare in A serve costanza di rendimento e la capacità di pagare un dazio minimo ai periodi di flessione che pure sono inevitabili dell’arco di un’annata. E’ fondamentale avere regolarità. Proprio per questo motivo reputo il torneo cadetto di gran luna il più complicato tra i campionati che si disputano in Italia».

PER CORVINO LA B PIU’ DIFFICILE DI SEMPRE. «Ci ​​sono numerose formazioni attrezzate per puntare in alto. Alla lunga, però, il gruppone si ridurrà, ma ci sarà comunque tanta bagarre perché oltre ai primi due posti, che garantiscono la promozione diretta, ci sono anche i piazzamenti che portano ai play-off, che sono altrettanto ambiti».

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

La capolista continua a vincere e lo fa anche con le seconde linee in casa...
Uno dei pochi motivi per ricordare positivamente Lecce-Inter 0-4 è l'esordio in Serie A del...
Le statistiche della gara persa ieri con la squadra di Simone Inzaghi aggiungono poco alla...

Dal Network

I campani restano al palo anche nella partita casalinga contro il Monza. Parole senza filtri...
Il difensore dell’Hellas ha parlato della complessa sfida di venerdì contro il Bologna, ma anche...
Il difensore leccese, condottiero della difesa degli azzurri toscani, ha parlato a Radio Serie A...
Calcio Lecce