Resta in contatto

News

Sticchi: “Siamo sani anche dopo la retrocessione. Gennaio? Contano più le sirene…”

Il presidente giallorosso ha concesso una lunga intervista “natalizia” al periodico Il Giallorosso. Saverio Sticchi Damiani traccia un bilancio di questa prima parte di stagione, prima di pronunciarsi sul mercato e sulle iniziative finalizzate a fidelizzare i tifosi, soprattutto giovani.

LECCE PROTAGONISTA IN B. “Sì, noi abbiamo cercato di dare un valore alla Serie A perduta investendo le risorse che quella categoria ci ha portato su prima squadra, strutture e Settore Giovanile. Anche dopo la retrocessione il club è rimasto una società sana, il che ci ha consentito di puntare alla realizzazione di un progetto di crescita che ha permesso di allestire una buona squadra, attraverso grossi sacrifici dei soci e della proprietà, ma anche di poter contare su nuove infrastrutture e potenziare il vivaio”.

IL RITORNO DI PANTALEO CORVINO. “Anche quel ruolo rappresenta un investimento importante. Una figura di primissimo piano su cui la società punta molto perché è un profilo che nulla ha a che fare con la Serie B. L’averlo coinvolto in un simile progetto è legato alla sua straordinaria motivazione di poter tornare a lavorare per la sua terra. Lui è il perno del nostro progetto tecnico in cui, rispetto al passato, il Settore Giovanile va ad affiancarsi per importanza alla prima squadra. Con il nuovo ciclo che si apre col ritorno di Pantaleo Corvino a Lecce il vivaio avrà uguale importanza, uguale dignità, e potrà beneficiare di investimenti maggiori”.

LA SCELTA DEL MISTER. “Diciamo che mister Corini è già diventato mezzo salentino perché si è calato perfettamente nella nostra realtà e si sta facendo apprezzare quale persona di poche parole ma di tanti fatti e serietà. Come società abbiamo subito cercato di far capire ai calciatori quali siano i valori e le motivazioni che deve avere chi indossa questa maglia. Un compito in cui siamo aiutati dai vecchi giocatori che hanno spiegato come qui sia un posto in cui serve dare tutto perché, chi dà tutto, ha la garanzia che la gente gli riconoscerà per sempre l’impegno a prescindere dal risultato sportivo”.

LA PRESENZA AL RICORDO DI LORUSSO E PEZZELLA. “Una bellissima e lodevole iniziativa. Noi andiamo nelle scuole per toccare il cuore dei giovanissimi. Il percorso che ci ha portato in A ci ha aiutato a conquistare la maggior parte dei ragazzi salentini che oggi pensano esclusivamente al Lecce e non ad altre squadre. Ma, allo stesso tempo, è sempre bene onorare le bandiere del passato, ossia chi ha scritto la storia del Lecce; solo tenendone vivo il ricordo anche attraverso simili impulsi potremo far capire che si tratta di un’unica storia giallorossa che va oltre il singolo presidente, il singolo giocatore, il singolo tifoso”.

CALCIOMERCATO INVERNALE. “Sicuramente sul mercato abbiamo ancora qualche esubero che non siamo riusciti a sistemare nella precedente sessione. Vista la grande rivoluzione attuata, i tempi erano ristretti, perciò si definirà qualche cessione ma non ci tireremmo indietro davanti alla possibilità di puntellare la rosa con occasioni da cogliere al volo che ci possano migliorare”.

BIG IN PARTENZA. “La gente ormai ha capito che, più della volontà del Lecce, spesso contano le sirene che arrivano a volte direttamente alle orecchie dei calciatori. Accade anche all’insaputa delle stesse società che ne sono vittime. Io posso prometterlo nella misura in cui non si creino situazioni di mercato per cui è illogico trattenere qualcuno che non riesce a dire di no a determinate offerte…”.

NATALE. “Il mio augurio in quest’anno particolare è più sentito che mai. Sarà un Natale da passare tra mille limitazioni che ci impediranno di viverlo circondati dall’affetto e dal calore dei nostri cari e dei nostri parenti a causa delle restrizioni di questo difficile periodo storico. Allo stesso modo, però, ricordo che la Serie B giocherà ininterrottamente e di conseguenza lo farà il Lecce. Spero che la nostra squadra possa tenere compagnia ai tifosi e sopperire con buone prestazioni al vuoto che si respirerà in tutte le case”.

PENSIERO. “Per me, per tutti i miei familiari, i collaboratori e i tifosi chiedo la salute che, in questa fase, non è affatto una cosa scontata. In second’ordine vorrei al più presto riprendermi ciò che al Lecce è stato ingiustamente sottratto e, allo stesso tempo, tornare alla dimensione che questa società, questa terra e questa tifoseria meritano”.

 

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Che voto merita il mercato invernale del Lecce?

Ultimo commento: "Secondo me non toccando Coda,Yulmand,Strefezza e Lucioni punti fermi per l'intelaiatura va bene."

SONDAGGIO – Qual è la più bella maglia della storia del Lecce?

Ultimo commento: "Mettiamo a vostra disposizione un prestito da 1000 euro a 9,000000 euro a condizioni molto semplici. Mail:[email protected]"

Sondaggio sul mercato invernale: plebiscito dei tifosi, Corvino-Trinchera promossi a pieni voti

Ultimo commento: "Mettiamo a vostra disposizione un prestito da 1000 euro a 9,000000 euro a condizioni molto semplici. Mail:[email protected]"
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News