Resta in contatto

Approfondimenti

L’amore di una città in una notte di festa, Lecce è pazza del Lecce!

Sin dagli attimi successivi al fischio finale, un mare di gente si è riversata nelle vie del centro di Lecce. Tra piazza Mazzini, dove è arrivato il pullman della squadra, e la città vecchia sino a Piazza Libertini, l’entusiasmo del popolo giallorosso ha reso la notte lunghissima.

Una liberazione dopo mesi di trepidazione e anni di forzata assenza da momenti di aggregazione. Il Lecce torna in Serie A dopo tre anni e la tifoseria ha festeggiato la vittoria in ogni angolo della città. Spontaneamente, tifosi e simpatizzanti si sono riuniti inizialmente in piazza Sant’Oronzo per ballare di gioia dopo la gara vinta contro il Pordenone grazie al gol di Majer. Dopo i festeggiamenti in campo seguiti alle celebrazioni con la Coppa Nexus, Lucioni e compagni hanno raggiunto il centro città a bordo di un pullman scoperto. Il momento di massimo tripudio si è avuto in Piazza Mazzini, dove il bus ha effettuato un doppio giro muovendosi a passo d’uomo tra due ali di folla festante. Tra i più “attivi” nei festeggiamenti Pablo Rodriguez, che caricava i tifosi chiamandoli a raccolta già su Instagram, l’acclamatissimo Hjulmand e Gabriel Strefezza. Tantissime emozioni anche per la dirigenza, a partire da Saverio Sticchi Damiani già con gli occhi lucidi per il coro spontaneo tributatogli dalla Curva Nord prima di sollevare la coppa.

Un’altra “ala” di festeggiamenti, più imponente e rumorosa, è partita da Porta Napoli con il corteo guidato dal tifo organizzato. Con i vessilli storici al vento, gli ultrà hanno colorato la notte di Lecce raggiungendo prima Piazza Sant’Oronzo e poi Piazza Libertini, dove i fuochi d’artificio hanno salutato il ritorno dei giallorossi in A. La processione, momento dopo momento, via dopo via, si è fatta sempre più lunga. Il giallo e il rosso dei fumogeni in una città infuocata per un po’ ha fatto dimenticare i due anni bui, il silenzio assordante del Via del Mare vuoto e le delusioni sportive.

Probabilmente non ce n’era bisogno, ma la notte di ieri dimostra ancora una volta che Lecce e il Salento amano il Lecce e il Lecce è uno dei patrimoni più belli del Salento. La notte tra il 6 e il 7 maggio 2022 sarà sempre ricordata come una notte d’amore. Serviva rivivere sentimenti così per riprendere contatto con degli elementi che, sebbene il calcio resterà sempre un gioco e una passione, ci danno emozioni indimenticabili.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Carletto uno di noi... Xsempre"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Ai tempi di Lorusso e Pezzella il Lecce partiva sempre con grandi ambizioni, finalmente arrivò Renna che, in un certo qual modo, ha dato il via al..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Esagerato,ha condizionato la partita.Spero perdano domenica e retrocedano"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Sei l'orgoglio di LECCE e del SALENTO intero! Come Calciatore e come Uomo! GRAZIE CHECCO, da SEMPRE UNO di NOI!"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."
Advertisement

Altro da Approfondimenti