Calcio Lecce
Sito appartenente al Network

Baschirotto: “Migliorarsi sempre. Roma o Milan? Brucia di più all’Olimpico…”

Il difensore del Lecce ha parlato a Dazn Talks con Maria Pia Beltran e Barbara Cirillo

VACANZE E CRESCITA. “Ero a Verona, sono tornato in famiglia. Lavoro in fattoria? Ho solo aiutato un po’ mio fratello. Io capitano? E’ una bella responsabilità, rappresenti una squadra e una città intera, ti rende orgoglioso del cammino fatto. Dall’anno scorso mi sono sento cambiato, mi sento più pronto, più partite fai più ti senti all’altezza di questa categoria. Non bisogna mai abbassare l’asticella e migliorarsi sempre”.

LEADER. “La partenza di Hjulmand? I leader sono quelli silenziosi, lo faccio dire agli altri, io cerco solo di portare l’esempio e di lavorare tanto per portare il risultato. Ci sono diversi nuovi arrivi ma ci siamo molto amalgamati, mille lingue nello spogliatoio ma ci capiamo tra inglese e italiano. Avendo tanti stranieri ci devi parlare in inglese e devi abituarti. Io lo mastico in questo anno e mezzo”.

D’AVERSA. “L’alchimia cresce partita dopo partita. Parliamo un po’ inglese un po’ italiano e ci capiamo. Solo Oudin e Kaba parlano poco italiano. Piano piano arriveranno anche loro. D’Aversa si è messo a imparare l’inglese e dà un po’ di indicazioni in inglese e in italiano. Si fa sentire tanto in partita. Grida molto e dipende dai momenti delle partite, a volte si è tanto concentrati che non sentiamo. A me? Mi chiama Baschi o Fede. La differenza con Baroni? Cerca di dare un po’ più di lavoro offensivo, con Baroni eravamo più attenti alla difesa. Siamo partiti comunque dalle idee dell’anno scorso. Per chi c’era dall’anno scorso era un vantaggio”. 

LE PARTITE CON LE BIG. “Con l’Atalanta ho segnato il primo gol in A. Quel giorno piangevo, mi è uscito fuori tutto dopo la rete. Mi sono lasciato andare. Al Fantacalcio? Consiglio di prendermi, io do il massimo. In difesa ci siamo tutti da fare. L’attaccante più difficile da marcare è stato Osimhen, anche Lautaro, secondo me il più forte del campionato”.

REAZIONE DOPO LE ULTIME DUE GARE. “C’era un po’ di delusione, rabbia. A freddo nei giorni successivi abbiamo poi analizzato meglio, per quanto riguarda noi la partita l’abbiamo vinta. Ci sono poi dei dettagli, noi partiamo da quanto fatto in campo. Con la Roma? Ho sofferto di più quella, prendere due gol negli ultimi quattro minuti mi brucia di più rispetto al Milan dove c’è stata una prestazione in rimonta. Aver perso una partita in cui eravamo in vantaggio pesa di più”.

REPARTO DIFENSIVO.Mi trovo bene a quattro ma in carriera ho fatto anche la difesa a tre”

SOSTA. “Cerchi di sistemarti fisicamente e mentalmente, venivamo da un periodo molto fitto e abbiamo cercato di staccare un po’ la spinta. Abbiamo avuto due giorni liberi e poi nella settimana scorsa abbiamo caricato a livello fisico, il mister ci voleva concentrati al campo anche senza partita. Giocare fino a marzo? Ti devi abituare”.

 

 

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Ronzino Lecce
Ronzino Lecce
3 mesi fa

Chi indossa questa maglia rappresenta non solo una città ma una regione un territorio il Salento, onoratela sempre 💛❤

20230610_190919

Articoli correlati

La squadra ha sostenuto una singola seduta di allenamento a due giorni dalla sfida contro...
Oltre alla partita della primavera in Toscana, il weekend (lungo) delle formazioni giovanili dell’US Lecce...
L’allenatore giallorosso cerca la seconda vittoria contro il Biscione. Sabato andrà in scena l’ottavo incrocio...

Dal Network

Il difensore dell’Hellas ha parlato della complessa sfida di venerdì contro il Bologna, ma anche...
Il difensore leccese, condottiero della difesa degli azzurri toscani, ha parlato a Radio Serie A...
Finiscono 1-1 i due match in programma nel pomeriggio. Il Cagliari rimedia un punto nello...
Calcio Lecce