Calcio Lecce
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Le pagelle di Lecce-Juventus: Kaba-Ramadani lottano troppo da soli. Gallo stavolta sbaglia

Lecce-Juventus, le pagelle: Almqvist va a lampi, Krstovic si innervosisce alla lunga. Oudin e Gonzalez calano, buoni segnali da Dorgu

LECCE:

Falcone 6 – Gara purtroppo da spettatore, e non propriamente in senso negativo. Zero parate e tre gol subiti, davvero il peggio per un portiere che per il resto era stato ben protetto dalla sua retroguardia. Stasera solo il miglior Falcone, quello dei tre miracoli a partita, avrebbe salvato il Lecce

Gendrey 5,5 – Pronti-via e sembra poter essere il solito Gendrey, quello che sta vivendo un gran momento dimostrando appieno di essere da Serie A. Poi, un po’ a sorpresa, è tra i primi ad intimidirsi. Così non aggredisce Kostic che crossa come vuole e si perde sul bis ospite

Pongracic 6 – Anche stavolta la pagnotta riesce a guadagnarsela con una buona prova da leader di una difesa che sembra reggere per poi sciogliersi sul più bello. Controlla Yildiz, concedendogli solo una conclusione da fuori. Non ha responsabilità sui tre centri bianconeri

Baschirotto 6 – Anche lui, nonostante qualche pallone “scottante” giocato non benissimo, non merita la bocciatura. Vlahovic ha colpito solo sganciato dalle sue grinfie, dopo che fino al gol arrivato in “zona Gallo” non aveva toccato se non palle sporche. Peccato, perché questa era proprio la gara in cui sarebbe servita una sua testata vincente nei tanti cross messi in mezzo prima del capitombolo

Gallo 5 – Pone fine al suo momento d’oro con grandi prestazioni in serie sbagliando difensivamente la gara. La Juve ha impostato la sua strategia d’offesa a suon di cross sul secondo palo, e purtroppo sul secondo palo a difendere c’è sempre lui. Due volte McKennie lo grazia, alla terza Vlahovic fa centro

Kaba 7 – Oggi che non ha sbagliato gol sarà davvero difficile trovare difetti alla sua prova sontuosa, l’ennesima in serie. Nel primo tempo si mette in tasca la mediana dell’attuale capolista con classe, giocate, intelligenza tattica che non gli fanno sbagliare davvero nulla. Subito dopo l’intervallo manda in porta Almqvist che non resiste alla carica di Bremer, poi purtroppo predica nel deserto

Ramadani 7 – Anticipi su anticipi e una grinta che non trova riscontri in altri compagni ed è, forze, quello che sta facendo risultare i giallorossi poco cinici, leggeri. Morde chiunque gli capiti a tiro, fa girare bene palla nei quasi due terzi di gara a supremazia locale e lascia in campo i polmoni lottando fino all’ultimo. Normale perda la testa con i compagni della difesa quando a spaccare la gara arriva un gol preso un po’ troppo “da spettatori”

Gonzalez 5,5 – Prova sulla falsariga di quella con la Lazio, divisa tra un primo tempo molto positivo (fantastica l’apertura per Oudin) ed una ripresa in calando. La sua fisicità si fa sentire nel miglior momento del Lecce, che fa benissimo soprattutto a centrocampo. E’ l’unico però dei tre a sbagliare, e ciò si acuisce in una ripresa in cui è il primo a sparire

Oudin 5,5 – Non riesce a confermare quanto di buono fatto vedere nelle ultime settimane. Eppure il suo mancino è sempre pronto a lasciare lo zampino: gran traversone basso non sfruttato da Krstovic e un paio di corner che avrebbero meritato inserimenti migliori. All’intervallo, purtroppo, resta negli spogliatoi

Krstovic 5,5 – L’approccio della gara è positivo e lo porta a vincere diversi duelli con il temibile Bremer, entrando nelle 2-3 migliori azioni dei suoi. Ci prova anche dal limite, poi non concretizza un buon invito di Oudin e lì qualcosa si rompe. Inizia ad intestardirsi commettendo anche un paio di svarioni tecnici che paga in termini di perdita di fiducia

Almqvist 6 – Ci mette poco a far capire a Danilo che per lui sarebbe stata una serata più complicata del solito. Spina nel fianco della difesa bianconera, ha ad inizio ripresa l’occasione per lasciare il segno ma, dopo aver seminato gli avversari, perde il tempo del passaggio per un Krstovic solo davanti a Szczesny. Sempre insidioso, a volte sbaglia scelta e l’azione del gol che cambia la gara nasce proprio da un suo tiro murato (come troppi)

Dorgu 6,5 – Rispetto a Gallo riesce a non capitolare in fase difensiva, e questo è il primo elemento. Ma non solo, perché si rivedono lampi di vero Dorgu con due grandi azioni che creano altrettante palle gol per i suoi

Blin 5,5 – Scende in campo con la mentalità di chi non vuole mollare nonostante i compagni lo abbiano già fatto. Poi però è scavalcato malamente da Bremer che fa tris

Pierotti 5,5 – Non vogliamo essere troppo severi perché questa non era esattamente la gara ideale in cui debuttare quando sei un giovani che viene dall’Argentina. L’impressione, che si spera abbia più le caratteristiche della fugace sensazione che altro, non è però esattamente positiva: sbaglia ogni pallone toccato

Sansone 6 – Stavolta non riesce a far male alla big di turno, anche se a tempo quasi scaduto riesce ad impegnare Szczesny

Piccoli 5,5 – A differenza di Krstovic non sbaglia gol e sempre a differenza di Krstovic non riesce a vincere neppure un duello

All. D’Aversa 5,5 – Stavolta la buona ora di gioco non riesce a salvare la prestazione, anche perché alla lunga è normale che il peso delle mancanze prenda più rilevanza degli elementi promettenti. In questo caso, in cui la supremazia è stata più sterile di altre volte, si ha più l’impressione che la Juve abbia lasciato “sfogare” il Lecce per poi colpire quasi con disinvoltura sui punti deboli giallorossi. Cross sul secondo palo e gol: troppo facile ed i rimpianti aumentano

Qui le pagelle della Juventus.

Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Kunta Moi
Kunta Moi
1 mese fa

L’anno scorso ci mancava una punta ed un centrocampista offensivo ; quest’anno ci manca una punta, un centrocampista offensivo ed un regista basso. Quindi come l’anno scorso mancano sempre delle pedine fondamentali (addirittura una in più), ma quest’ anno abbiamo giocatori con caratteristiche diverse che ci consentono di avere più alternative di gioco. Possibilità che mi sembra non sia molto sfruttata da D’Aversa. Giochiamo sempre facendo girare il pallone da destra a sinistra e da sinistra a destra ma verticalizziamo poco e niente. L’unico in grado di verticalizzare è Banda, ma lo fa palla al piede da solo (e non parliamo delle finalizzazioni dello zambiano!)
Ramadani fa molta legna e s’impegna ad impostare ma questo non ti fa diventare un regista. Gonzales gioca in una posizione a lui poco consona. In attacco quasi quasi rimpiango Ceesay! Oltretutto Piccoli con i piedi è decisamente meglio ma entra sempre all’ultimo quarto d’ora. Kaba ieri migliore in campo. Il primo gol secondo me è responsabilità di Baschirotto; una volta che hai agganciato nell’area piccola l’avversario non puoi lasciare che si vada a prendere il pallone , si giri e rimetta tranquillamente il pallone al centro! Anche perché gli avversari più vicini erano al limite dell’area. Quindi Baschirotto sull’uomo e Gendrey a fare la diagonale al centro.

Giolecce
Giolecce
1 mese fa

Falcone 6 ?? I cross nell’ area piccola devono essere sempre del portiere soprattutto se sei alto 2 metri.. ha sulla coscienza almeno due gol.

Francescotavano
Francescotavano
1 mese fa

Prestazione mediocre nn si salva nessuno allenatore scarso d altronde se dopo parma e Sampdoria nn ha più allenato ci sa ra un motivo poi se continua a far giocare oudine giochiamo sempre in 10 solo l allenatore nn lo ha capito

Edo
Edo
1 mese fa

Pierotti ha pure tolto il cross a Gendrey con un colpo di tacco senza senso

Massimo
Massimo
1 mese fa

Ma che partita avete visto? Gallo non ha giocato male, sul goal di vlahovic era difficile intervenire. Falcone sul secondo goal non è uscito. Krstovic male anche

Patrizio
Patrizio
1 mese fa

Mancanza di cattiveria in serie A non te lo permettono prendiamo gol e non facciamo gol dispiace per questa tifoseria meravigliosa!!menomale che le squadre dietro di noi non hanno fatto risultato !speriamo alla prossima forza lecce sempre

Ciccio
Ciccio
1 mese fa

Ormai siamo in caduta libera. Serve un centravanti di categoria. Anche stasera zero tiri in porta e zero goal. Nelle ultime 5 partite 4 sconfitte e un pareggio. Si va in B così. Ultimatum a D’Aversa a Genoa!!!!

Viadelmare
Viadelmare
1 mese fa
Reply to  Ciccio

Ti serve anche un centrocampista di categoria perché nessuno sa servire le punte, Kristovic oggi ha giocato ma è completamente isolato che deve fare? L’unico che ha tasso tecnico che è Strefezza non lo fa giocare e che pretendiamo?

Giannuzzo
Giannuzzo
1 mese fa
Reply to  Viadelmare

Serve soprattutto un centrocampista di categoria, un trequartista che sappia servire palloni puliti agli attaccanti. Kristovic ieri ha lottato anche nella nostra difesa, ma in questa serie A dove c’è solo fisicità è difficile per noi segnare ; lo scrivevo l’anno scorso su Cesay e Colombo lo ripeto oggi per Kristovic e Piccoli

Salvo
Salvo
1 mese fa

Falcone 6?
Baschirotto 6?
Oudin 5,5?
Krstovic 5.5?
Gonzalez 5.5?
D’Aversa 5.5?
Sicuri di aver visto la partita ? Minimo 1 voto in meno…

Ultra58
Ultra58
1 mese fa
Reply to  Salvo

Mi sa tanto che prima di fare queste pagelle avete bevuto

Articoli correlati

Frosinone-Lecce, le pagelle: sulla sinistra il terzino vola mentre Banda resta incompiuto. Pongracic-Baschirotto lottano, Falcone...
Lecce-Inter, le pagelle: Ramadani e Touba, errori clou. Almqvist gira a vuoto, quasi tutti sotto...
Torino-Lecce, le pagelle: Rafia si scioglie sul più bello, pesa l'assenza di marcatura di Dorgu...

Dal Network

Bruttissima notizia per l'attaccante degli emiliani e della nazionale...
L'allenatore del Frosinone recrimina per la ripetizione della massima punizione prima mancata da Rafia e...
Il centrocampista giallazzurro ha parlato a Dazn a pochi minuti dal fischio d'inizio...
Calcio Lecce