Calcio Lecce
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Lecce, quando capirai che sei in lotta per la salvezza?

I giallorossi hanno floppato davvero solo una gara, è vero, ma tolti alcuni assalti finali hanno un atteggiamento di chi è ancora ben saldo a metà classifica

Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. Una frase che il gergo comune ha preso in prestito a John Belushi che nel suo “Animal House” incitava così a reagire alle difficoltà il suo gruppo di amici. Una frase che nel calcio è all’ordine del giorno o quasi e che ben si presta per descrivere gli aspetti, magari pochi ma decisivi, nei quali il Lecce sta mancando in questo periodo.

Non so voi lettori, ma chi scrive questo articolo (che di indole persona pessimista non è) durante l’intervallo pensava solo ad una cosa: “Tra poco arriva”. Dopo un primo tempo così, giocato a testa altissima come tutti quelli disputati fuori casa Bologna esclusa, si sapeva che i padroni di casa avrebbero abbozzato un assalto o quantomeno un approccio più convinto. Elemento che, purtroppo, nei match esterni del Lecce sta coincidendo continuamente con i giallorossi che iniziano a “prenderle”.

Ed arrivati a fine febbraio il caso più caso non è, il fatto di giocare bene (a Genova), discretamente (a Verona), degnamente (a Torino) o malamente (a Bologna) inizia sempre meno a fare la differenza se poi i punti in saccoccia calano così come la posizione in classifica. Serve un’analisi intellettualmente onesta, serve rintracciare ciò che non va (senza farsi prendere da isterismi, abbandismi e nostalgie tipo che ora manca Baroni e che la scorsa primavera mancava Corini e nel 2020 mancava Fascetti) e porvi rimedio. E nel Lecce ciò che manca è la propensione alla lotta sporca tipica della squadra da salvezza.

Sia chiaro, questo è un undici che non si può snaturare. È’ un undici che ci ha fatto sognare perché giocava bene, meglio dell’anno scorso, e una delle colpe di tutti (ma tutti tutti) è non aver concretizzato ancor più l’entusiasmo iniziale perché troppo presi dal ricordarci che tutto sarebbe finito, intimiditi dalla paura del contraccolpo una volta esaurita la “magia”. Del tipo “A che serve esprimere alla donna della mia vita i miei sentimenti? Tanto tra 158 anni non ci ameremo come oggi”.

Adesso però il momento è diverso e bisogna viverlo, in un contesto che non è quello della provinciale sorprendentemente settima/ottava in classifica. E quando cambia il contesto da un lato è nocivo perdere la coerenza con la propria natura, dall’altro ci sono delle sfere sfumate eppure importanti su cui intervenire. L’atteggiamento è una di queste. Questa squadra non è cattiva come dovrebbe, non è lottatrice come dovrebbe se non in quei già citati rush finali in cui la scintilla fa saltare il banco. Ma non sempre la si può riprendere, non sempre si gioca al Via del Mare. Fioretto e sciabola, l’equilibrio che serve. Con il primo ci sappiamo anche fare, lo abbiamo mostrato, abbiamo letto i complimenti diffusi. E con la seconda? Tutti a vedere “Animal House”, ad ascoltare le parole di John “Bluto” Blutarsky e poi, soprattutto, via in campo a sudare e battagliare.

Subscribe
Notificami
guest

67 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Bisogna essere tifosi di una squadra di serie….A e non provincialotti….voglio dire, domenica, contro l’Inter , serve una grande prestazione, per poi andare a prendere i punti con le partite successive. Se poi dovessimo fare risultato ben venga. Noi dobbiamo guardare al dopo Inter.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Manca il sangue nelle vene…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Tifosi quando capirete che si pensa a spendere poco e guadagnare con plusvalenze e premi dati dalla Lega .

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Mancano i giocatori buoni..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Il Lecce con La Rosa di calciatori che ha deve fare doppio sforzo sia mentale che fisico per reggere squadre superiori a noi(quasi tutte) per cui gioca un tempo poi crolla .La pecca del nostro allenatore e’ che fa cambi troppo tardi ostinandosi a giocare con una sola punta. Quando abbiamo giocato con le due punte siamo riusciti a salvare il risultato

Marco
Marco
1 mese fa

penosi…si cullano sui quattro ridicoli punti di vantaggio…poi faranno appello al via del mare come al solito per la partita contro l’hellas Verona del 10 marzo e andiamo avanti così…aventi si fa per dire…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ancora con questa società ma non lo volete capire Ca fannu Cupeta e mendule riccie

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Giocato “degnamente” a Torino?! Ho finito di leggere l’articolo…

Mario
Mario
1 mese fa

La prossima contro l’Inter, ci sarà il rinascimento. Alla faccia dei corvi!!!

Montagna Antonio
Montagna Antonio
1 mese fa
Reply to  Mario

Si aperte e spera se non sarà una goleada per linter,il lecce non ha giocatori forti come loro colpa dei dirigenti leccesi

Mesciu Marcellu
Mesciu Marcellu
1 mese fa

Fino a quando hai scritto “il Lecce non ha giocatori forti come i loro”, scrivi una cosa ovvia ma sostanzialmente giusta”. Quando poi scrivi “per colpa dei dirigenti Leccesi,” dimostri di vivere sul pianeta Papalla. Se sommi tutti i patrimoni della popolazione salentina, dal più ricco al più povero, non si arriva ad 1/50mo di quello del loro presidente cinese Zanhg.

Marco
Marco
1 mese fa

peccato che sono indebitati fino al collo e oltre pure!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Il famoso centrocampista di qualità

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

La qualità: manca la qualità dei calciatori.!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Questione di carattere, le lacune tecniche non vengono sopperite con la cattiveria agonistica e la fame di vittoria.

Mercenari
Mercenari
1 mese fa

(commento bannato)

Last edited 1 mese fa by Alessio Amato
dentino
dentino
1 mese fa
Reply to  Mercenari

tu sei un povero buffone

Erpiu
Erpiu
1 mese fa

Saremo lo Spezia della scorsa stagione…

dentino
dentino
1 mese fa
Reply to  Erpiu

pagliaccio

Vincenzo
Vincenzo
1 mese fa

Dopo il “giocare degnamente a Torino” ho smesso di leggere il seguito….
Evidentemente abbiamo una concezione del gioco del calcio molto diversa, opposta direi…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

PROPENSIONE ALLA LOTTA SPORCA? SIAMO LA SQUADRA PIÙ FALLOSA DELLA SERIE A

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un vero allenatore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Manca un vero goleador

Viadelmare
Viadelmare
1 mese fa

Per vedere una squadra che gioca per salvarsi basta che i nostri giocatori vedano come gioca una squadra come il Verona in cui tutti, dal primo all’ultimo, sputano sangue per 90 m e non si vedono calciatori che passeggiano in campo. Oggi contro la Juve sono morti di fatica ma hanno continuato a correre e giocare, guardiamo loro per vedere come gioca a calcio una squadra che lotta per salvarsi. I nostri dopo 50 m smettono di correre, molli sui contrasti, senza grinta, ma per favore

Core presciatu UL 🇪🇦
Core presciatu UL 🇪🇦
1 mese fa
Reply to  Viadelmare

Bravo👏, condivido

Erpiu
Erpiu
1 mese fa
Reply to  Viadelmare

Esattamente. Se il Lecce giocasse così, nessun tifoso avrebbe da recriminare

Nicola
Nicola
1 mese fa
Reply to  Viadelmare

Tutto vero…

Giuseppe
Giuseppe
1 mese fa
Reply to  Viadelmare

Mi permetto di dire che sul piano del gioco il Verona attacca con la Juve 86 volte di cui 39 pericolose e due goal realizzati, il Lecce con il Torino 75 attacchi e solo 18 pericolosi e zero goal , non riusciamo a portare la palla in avanti se non di rimessa o lancio lungo del difensore la realtà purtroppo è questa.

Mario Merine
Mario Merine
1 mese fa

Siamo senza soldi (dicono), senza allenatore, senza giocatori di categoria, senza grinta, senza gioco e senza attributi. La società tace e tira avanti, verso la B!

dentino
dentino
1 mese fa
Reply to  Mario Merine

ad oggi siamo in A. molti tifosi sono da interregionale

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Francamente diciamolo non è che Ramadani abbia sostituito bene Morten secondo me siamo molto deboli a centrocampo

Antonio67
Antonio67
1 mese fa

questo e’ una delle cause principali di questa situazione..rispetto a hjulmand abbiamo fatto 4 passi indietro…ramadani e’ solo quantita’..gli manca il piede e la velocita” di pensiero e non verticalizza mai…mai…

LecceMeraviglia
LecceMeraviglia
1 mese fa
Reply to  Antonio67

Potrebbe giocare benissimo Blin con ramadhani o Alqvist a dx e gonzales a sx poi sansone sulla trequarti, kristovic e piccoli punte offensive….
Mister cambia i benefici li avrai anche tu….non ti fossilizzare

Erpiu
Erpiu
1 mese fa

Condivido pienamente. Ci salveremmo in scioltezza con questa formazione

Vincenzo
Vincenzo
1 mese fa

Esatto, purtroppo non vale neanche un decimo di Hjulmand, ed in difesa l’anno scorso c’era un signor giocatore come umtiti..

Corrado Trelli
Corrado Trelli
1 mese fa
Reply to  Vincenzo

Hjulmand era fortissimo ma con lui e umtiti ci siamo salvati all’ultima giornata, e la concorrenza era differente. Ramadani non ha dietro Umtiti e non ha un atteggiamento complessivo difensivo come con Baroni, Fateci caso si trova spesso in inferiorita metterlo assieme a Blin a Torino non hai mai sofferto per 60 minuti.

edo
edo
1 mese fa

Non abbiamo un regista bravo per permetterci il 4 3 3

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Mai.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

La società ,che solitamente difendo, continua a sfidare il fato. A gennaio via Strefezza per Pierotti (chi ?). Dietro di noi a 8 punti di svantaggio c’erano squadre che per mezzi tecnici sono superiori ( ora siamo a soli 2 punti!) e non abbiamo speso un soldo di quelli che avevamo , per rinforzare la rosa…..
Ritengo , la società responsabile della situazione attuale …. Su diventati Chiangimorti e poco consapevoli del rischio di retrocedere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Gli attributi mancano! E subito un nuovo allenatore! Vedi inchini al bari 2 partite 2 vittorie! E colombo al Empoli 8 punti in 4 partite

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un po’ di equilibrio tra i reparti. Ieri è stata eloquente l’occasione che ha avuto Bellanova nel primo tempo quando è arrivato in area senza opposizione del centrocampo. Se già abbiamo difficoltà a concretizzare, sarebbe opportuno almeno avere dei centrocampisti che facciano filtro.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

buon viaggio mister

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Quello che sta mancando al Lecce sono tante cose: innanzitutto il giocare “da Lecce”
Manca lo spirito propositivo, siamo passivi, e questo dipende dal manico.
O D’Aversa trova le soluzioni o suntu mari li pipi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un allenatore con gli attributi

Bar Biggi BRUNICO
Bar Biggi BRUNICO
1 mese fa

Quando li CIUCCI siamo solo noi tifosi che critichiamo ciò che si vede da lontano,, quando tantissimi tifosi vanno in trasferta e sostengono la squadra vedi BOLOGNA,, Quando qualche dirigente promette rinforzi in ogni reparto e poi il nulla. Signori dirigenti fatevi meno meriti e più rispetto per il LECCE,,QUALCHE PRESTITO PER DIFENDERE LA SERIE A ANDAVA FATTO

JUAN
JUAN
1 mese fa

Sono perfettamente d’accordo…. Bastavano tre prestiti ma Corvino sta commettendo gli stessi errori di Firenze con una gestione arrogante. Ci sarebbe un grandissimo difensore svincolato, Mustafi……sarebbe un ottimo rinforzo 🤞

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Mancano gli schemi su palla inattiva , marcatura a uomo su palle inattive con De Canio avevamo Ferrario che contro la Juve 2 a 0 del febbraio 2011 mancava a uomo Luca Toni con la mandibola fratturata e non sentiva dolore grazie ha una infiltrazione di Giuseppe palaia , un partitine ha fatto quel giorno

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Manca la squadra camaleontica che c’era all’inizio del campionato e quella grinta che dovrebbe avere una squadra che deve salvarsi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Manca l’umiltà di un allenatore mediocre. Non cambia mai modulo anche quando ci fanno fare torello come a Bologna. 4-3-3* che diventa 4-3-1 quando gli esterni scoppiano. Speriamo di restare in A e di fanculizzare D’Aversa appena raggiunta la salvezza.
#Limortisoi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Mancano gli attributi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Quando la società tirerà fuori gli attributi. Le dichiarazioni di SSD e Liguori sono patetiche

Daniele
Daniele
1 mese fa

Le tue invece?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Manca la grinta e la concentrazione ma manca soprattutto equilibrio con un centrocampo ridotto all’osso (2 poveracci che devono da soli correre per tutti).

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Manca la grinta che in altre stagioni c’è sempre stata

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Concordo con l’articolo, mancano grinta e voglia di lottare, forse manca la sensazione di acqua alla gola. Aggiungo che dare alla squadra alibi tipo la giovane età o gli arbitri (spesso disastrosi con noi) non aiuta. Giovani o meno, è ora di tornare a lottare. 💛❤️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

La grinta e la mentalità la deve dare soprattutto l’allenatore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Grinta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Manca l’allenatore …

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Sempre il centrocampo senza un leader all’altezza, e pou nessuno tira da fuori mai in porta, oggi tanto onore a baroni e al verona

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Il centrocampo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

La benzina costa. La useremo al momento giusto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Manca l’ intensità e la compattezza che avevamo l’ anno scorso

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Non combattono,situazione difficile e non si vede luce in fondo al tunnel.

Bar Biggi BRUNICO
Bar Biggi BRUNICO
1 mese fa

Quando a centrocampo arrivi a rimpiangere MALHE si e detto tutto, quando continui con un modulo unico vedi i limiti di un allenatore,,quando prendi sempre gol su palle ferme e credi che marcare a zona e tutto,,quando con 2punte vinci e poi torni a giocare la prossima con una sola punta e perdi,,quando a gennaio fai esordire contro la JUVE PIEROTTI per demolire STREFEZZA,,Quando pensi che rafforzare la squadra a gennaio era inutile,, quando non vuoi dare una svolta tecnica vedi EMPOLI,, quando a comandare è solo uno DS CORVINO E TUTTI CITTI,,,quando con solo tre centrali pensi di fare un campionato di serie A,, quando non vinci mai una trasferta ,,quando pensi che ormai sei salvo perché le altre sono peggio,,,,

Corrado Trelli
Corrado Trelli
1 mese fa

Quando sei tredicesimo e la gente merita di tifare il Bari

Amedeo
Amedeo
1 mese fa

Bravo, concordo pienamente. Tutto è sotto il controllo di un’unica persona e sappiamo benissimo chi è.

Lupo Alberto
Lupo Alberto
1 mese fa

A sto punto la chiave di volta del nostro campionato è quella col Verona in casa nostra, contro il nostro ex allenatore Baroni… Prepariamoci a tutto, sempre forza 💪💕 Lecce.
NB il Verona gioca bene, ma cosa hanno fatto i commercialisti revisori…e che ca.zz

Articoli correlati

lecce empoli pierotti
Mister Gotti dovrà fare a meno dello zambiano, titolare di base nel ruolo di ala...
Il 17 aprile 2011, i giallorossi di De Canio rimontarono alla fine il doppio passivo...
Sei gare ancora da disputare e tutto aperto per conoscere i nomi di chi potrà...

Dal Network

L'ex portiere, tra le altre di Chievo Verona e Palermo, ha detto la sua sulla...
Contro il Milan, l’ex Lorient ha continuato la sua striscia di realizzazioni...

Altre notizie

Calcio Lecce