Calcio Lecce
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

La penna in trasferta – Pettenò (BresciaTV): “Corini ha rivitalizzato il Brescia. Il Lecce? Non molla mai”

Abbiamo discusso con il collega Fabio Pettenò, vicino alle sorti del Brescia. La vittoria conquistata in casa della Spal può essere già un punto di non ritorno della stagione delle Rondinelle, attese domani dallo scontro salvezza.

– Il ritorno di Corini ha portato un’importante svolta con la vittoria di Ferrara? Cosa é successo rispetto alla gestione Grosso?

La vittoria di Ferrara è stata la vittoria di Corini. In ogni sua forma, in ogni suo aspetto: i tre punti contro la squadra di Semplici portano la firma del tecnico richiamato dopo il breve ma disastroso interregno di Fabio Grosso. I 90’ dello stadio Mazza hanno dato chiaro segnale di una fisionomia di squadra modellata sulle idee e sul lavoro dell’allenatore bresciano. Il cambio in panchina voluto da Massimo Cellino dopo il derby perso con l’Hellas Verona non era stato digerito dai giocatori. Per un gruppo abituato a lavorare in una certa maniera, devoto al suo condottiero (Corini) è stato difficile vedersi mettere al comando un nuovo allenatore. Fabio Grosso non ha saputo entrare nella testa dei giocatori dovendo convivere con il fantasma di Corini anche nei pensieri dei tifosi. Il ritorno dell’allenatore della promozione è stata una liberazione da mille paure e preoccupazioni con la squadra a ritrovare lo slancio e lo spirito dei tempi migliori.

– L’avvio lento porta qualche preoccupazione. Qual é il termometro della piazza dopo le prime 15 giornate ?

A Brescia non si guarda la classifica ma si vive partita dopo partita. Il successo con la Spal ha inevitabilmente ridato slancio alle ambizioni e ai sogni salvezza dell’intera piazza, squadra compresa ma tutti, nessuno escluso, conosce benissimo il valore della gara con il Lecce: se non ottieni i tre punti con i salentini la vittoria di Ferrara perderebbe di valore. Dal punto di vista mentale il ritorno di Eugenio Corini paradossalmente ha cancellato in un attimo lo scetticismo e la negatività di non potercela fare. Squadra e tifosi sono convinti che l’obiettivo della salvezza con Corini in panchina è raggiungibile anche con una classifica deficitaria.

– Che partita si aspetta?

Quelle tra Brescia e Lecce sono sempre state delle gare ricche di gol e spettacolo. Si affrontano due squadre che ben si conoscono avendo fatto un cammino quasi all’unisono lo scorso anno in Serie B. La posta in palio è altissima per entrambe: mi aspetto una gara viva e accesa dove le compagini in campo non si risparmieranno per ottenere gli ambiti tre punti, specialmente il Brescia che dall’inizio dell’anno non ha ancora regalato la gioia della vittoria al pubblico di casa. In più, non dimentichiamo, Corini torna nel suo stadio e questo fattore potrebbe essere determinate sotto l’aspetto motivazionale.

– Il gol-vittoria di Balotelli ha regalato i 3 punti. Dopo le tensioni con Grosso, può essere il momento dell’accelerazione anche per Balo?

Il gol vittoria di Balotelli era atteso da tanto tempo a Brescia. Finalmente è arrivato e i tifosi sperano sia il primo di una lunga serie. All’attaccante, più di altri, ha giovato il ritorno in panchina di Corini. A Ferrara si è visto un Balotelli diverso per spirito di sacrificio e attaccamento alla maglia. L’esultanza con pungo chiuso verso i tifosi in segno di gioia al momento del gol è un chiaro segnale che qualcosa in lui può essere cambiato.

– Cosa ne pensa del Lecce e del gioco di Liverani?

Sin dallo scorso anno sono rimasto piacevolmente sorpreso dal gioco espresso da Liverani. Il Lecce è una squadra alla quale piace giocare al calcio con trame veloci e ficcanti. Ricordo il debutto stagionale a San Siro: nonostante il risultato si è visto subito che l’atteggiamento della squadra non era mutato nonostante il salto di categoria. Liverani ha trasmesso la sua voglia di emergere e questa squadra non molla mai. Nell’organico poi figurano alcuni elementi che apprezzo molto.

– Con che formazione si presenterà il Brescia domani?

La squalifica di Andrea Cistana pone un unico dubbio per Eugenio Corini in vista della gara di domani. Per la sua sostituzione Magnani è favorito su Mangraviti. Per il resto giocheranno dieci undicesimi della squadra scesa in campo a Ferrara dove in attacco Baltelli farà coppia con Torregrossa.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Frosinone-Lecce, le pagelle: sulla sinistra il terzino vola mentre Banda resta incompiuto. Pongracic-Baschirotto lottano, Falcone...
Il sondaggio pregara genera una formazione in cui, assieme al regista, le due mezzali parlano...
Sostanziale equilibrio nei confronti disputati nella città ciociara. Il ricordo più nitido sorride ai ciociari...

Dal Network

Bruttissima notizia per l'attaccante degli emiliani e della nazionale...
L'allenatore del Frosinone recrimina per la ripetizione della massima punizione prima mancata da Rafia e...
Il centrocampista giallazzurro ha parlato a Dazn a pochi minuti dal fischio d'inizio...
Calcio Lecce