Resta in contatto

Calciomercato

QdP – Meluso: “Imbula ha reso poco e a gennaio sarà ceduto”

“Mercato? Ci stiamo lavorando intensamente e con le idee chiare. Parlerò all’inizio di gennaio, quando il mercato aprirà i battenti ufficialmente”, ha affermato il direttore sportivo giallorosso.

Mauro Meluso, direttore sportivo del Lecce, parla di mercato nelle dichiarazioni raccolte da Il Quotidiano di Lecce.

PROGRAMMI.Ad oggi siamo in linea con i programmi, Anche se l’ultima partita è stata negativa e non ci si può permettere, quando ti devi salvare, di giocare sotto tono com’è accaduto a Brescia. Ma una giornata può capitare e non può però inficiare un percorso oltre le stesse paure della vigilia, con punti conquistati con voglia, fatica, gioco, cuore e cervello”.

SFOLTIRE LA ROSA.Alleggerire l’organico, riassettare meglio difesa e centrocampo, dove abbiamo avuto qualche indicazione al di sotto delle aspettative. Benzar e Imbula purtroppo hanno reso poco e saranno messi sul mercato. Ai giocatori lo abbiamo già comunicato. Per restare sul piano dei calciatori arrivati dall’estero, va detto che consideriamo Vera un investimento interessante. Di prospettiva i due ragazzi presi dal Palermo, Gallo e Lo Faso, lo stesso Dubickas”.

TROPPI STRANIERI?Siamo andati a prendere giocatori che hanno un ruolo nelle Nazionali dei rispettivi Paesi. Penso a Benzar, che nelle ultime cinque partite della Romania ne ha giocate quattro da titolare e da noi ha fatto fatica ad ambientarsi. Vera ha brillato di luce propria al Mondiale under 20 in Polonia, e resta un giovane che ha un grande futuro. Non potevamo certo pensare di ingaggiare un terzino titolare della nazionale italiana. Shakhov è stato un buon innesto. Contro la Fiorentina, è stato utile per assist e gioco. Orientarsi sui mercati stranieri serve a cogliere occasioni interessanti e comunque allarga gli orizzonti”.

MERCATO DI GENNAIO.Ci stiamo lavorando intensamente e con le idee chiare. Parlerò all’inizio di gennaio, quando il mercato aprirà i battenti ufficialmente”.

ATTACCANTI.Abbiamo creduto fortemente nei due attaccanti, come in Babacar. Lapadula veniva da anni complicati, ma si è rivalutato con grandi motivazioni. Farias è straordinario. Lo abbiamo preso in ritardo e paga la mancanza di preparazione. Babacar è arrivato anche lui sul filo di lana. Ha un potenziale enorme. È in Italia da tanti anni e non aveva certo bisogno di acclimatarsi. Si è un po’ incartato da solo. Ma è un ottimo ragazzo di grandissimi principi. Va solo aiutato. I grandi acquisti degli attaccanti si fanno sempre alla chiusura del mercato. Noi abbiamo tante frecce sul fronte offensivo. E con i giocatori della scorsa stagione abbiamo una rosa che è un patrimonio per la società“.

SOCIETA’.Contiamo sullo straordinario equilibrio del presidente Saverio Sticchi Damiani e di Fabio Liverani, entrambi in sintonia per competenza e saggezza. Alla vigilia di Natale la verità è che con questa squadra, con gli aggiustamenti che andremo a fare, il Lecce avrà ancora più chanches di giocare in serie A con orgoglio anche nella prossima stagione”.

24 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
24 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Calciomercato