Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Parma, Buffon al terzo rigore parato: “Dopo Lecce mi dicevano di smettere. Gli stupidotti mi motivano”

“Dopo Lecce ho sentito due pappagalli dire che era meglio smettere. E sentire gli stupidotti mi serve per motivarmi e dire: ‘Adesso vi sistemo io’ “

La vera differenza tra gli atleti e gli uomini la fa la quantità di calore che riesci ad esprimere, l’energia con la quale contagi gli altri. Sono cose che partono da dentro e dall’orgoglio, dal non voler essere secondi a nessuno e battere i luoghi comuni“. Gigi Buffon alza ancora l’asticella. E’ carico e con il fuoco che arde dopo l’1-1 contro il Como, che lo ha visto protagonista ancora. Para il secondo rigore, poi salva in almeno un paio di occasioni la porta del Parma. “Partire da dietro la riga di porta mi dà la possibilità di poter fare una finta – dice a Sky -.Partendo dalla riga con una finta sono già fuori. E’ un piccolo escamotage. Sto bene, mi sento bene e ho fatto la scelta più giusta. Nonostante dopo Lecce abbia sentito due pappagalli dire che era meglio smettere. È stato un tempo andato male, ma bisogna guardare le altre 14 partite. E sentire la gente che quando scendo da casa mi dice “Gigione portaci in Serie A”. Questo mi dà la carica e mi fa stare bene. E sentire gli stupidotti mi serve per motivarmi e dire: ‘Adesso vi sistemo io’”.

Approda su ForzaParma.it per tutte le news sui gialloblù.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Flacco Venosa, Potenza"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima un uomo, poi un allenatore come nessun' altro"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario