Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Baroni: “Queste gare hanno dimostrato che il Lecce è solido e non molla mai. Tuia o Simic dall’inizio”

Il tecnico del Lecce Marco Baroni ha presentato in conferenza stampa la sfida di domani pomeriggio in casa con il Crotone.

CENTRALI. “Non sapevo se Tuia fosse disponibile, ciò che è certo è che uno tra lui e Simic giocherà dall’inizio con l’altro a sostituirlo. La situazione è questa, diversi elementi non hanno ancora i 90 minuti, vedi Asencio“.

MODULO E DATI OGGETTIVI. “Il nostro modo di giocare ci dà solidità. Ora però voglio fare un’analisi perché ho letto qualcosa sulla difesa. C’è un dato che si chiama differenziale tra tiri fatti e subiti, e qui il Lecce è primo per distacco. Queste cose sono oggettive che non lasciano ad interpretazione. Doppiamo il Frosinone. Abbiamo anche miglior differenziale tra pali colpiti e subiti, perché i centimetri fanno la differenza. Ad esempio la Cremonese ha un gol in più e tre pali, noi ne abbiamo dieci. Ed abbiamo anche la miglior differenza reti. Io rispetto sempre il parare, purché si parta dall’oggettività delle cose. Questa squadra ha un sistema di gioco che funziona, ha equilibrio, sa recuperare partite e gioca bene. In questa B tanti hanno fatto grandi investimenti ma nessuno le vince tutte e non possiamo pretenderlo noi. Tra Como ed Alessandria abbiamo pareggiato due gare con un rigore fallito all’ultimo e un portiere avversario capace di negarci un gol fatto”.

RECUPERI. “Di Faragò e Dermaku è più giusto parli il medico. Credo su Dermaku in un paio di settimane possa recuperare, lui deve recuperare la sua situazione. Asencio anche oggi ha lavorato in differenziato ma viene con noi in panchina. I suoi problemi precedenti ne hanno dilatato la possibilità di ricondizionamento”.

CENTROCAMPO E ATTACCO. Ragusa è entrato molto bene e sta bene, dal punto di vista fisico ha meno problemi di tutti. E’ chiaro che deve entrare negli schemi di gioco. E’ molto probabile che rientri dal primo minuto, dovremo ancora fare delle valutazioni.  Come interni ho tre soluzioni, ovvero Majer, Helgason e Bjorkengren. Di certo nel corso del match giocheranno tutti e tre”.

CROTONE. “E’ una di quelle squadre che all’inizio veniva data per lo meno in corsa per i playoff. E’ andata in difficoltà in un campionato difficile che non guarda a nomi ed investimenti. Troviamo una squadra che a dispetto degli ultimi risultati sta bene quindi sarà una bella gara. Ciò che conta per noi è andare in campo con fiducia e voglia, giocando di squadra. Questa squadra passa dal gioco”.

PASSAGGIO AL 4-2-3-1. “E’ una variante. L’Alessandria aveva questi due mediani feroci così serviva una presenza tra le linee ed io ho optato per questa opzione che comunque non è il nostro vestito. Si lavora tutta la settimana su un sistema di gioco che ha ruoli ben chiari. Non mi piace cambiare a meno che non ci siano delle condizioni in campo che possano portarci particolari vantaggi”.

RALLENAMENTO. “Ne ho già parlato a proposito di ciò. Questa squadra nelle ultime tre partite ha fatto tre vittorie e tre pareggi, ma bisogna vedere anche come questi pareggi sono arrivati. Quando in ogni pareggio crei tanto e su campi difficili non è un aspetto da sottovalutare. Questa è la Serie B. A volte qui quando pareggi a Como pensi di averlo fatto contro una squadra allo sbando che però poi vince a Frosinone. Non è un caso che venga considerato uno dei campionati più belli, perché ogni vittoria è difficile e spesso ci sono risultati imprevedibili”.

INSEGNAMENTI. “In queste partite abbiamo imparato che la nostra squadra è solida e non molla mai“.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Sondaggio sul mercato invernale: due terzi dei lettori promuovono Corvino e Trinchera

Ultimo commento: "In un altro campionato europeo di livello , la ns squadra si troverebbe a metà classifica della seconda serie . Il calcio italiano è questo . Zero..."

Gol dell’anno 2022, vince il siluro di Colombo che ha fatto tremare il Maradona (VIDEO)

Ultimo commento: "Giusto non abbassare la guardia, i conti si faranno alla fine, complimenti fin'ora più che meritati ma guai a scendere in campo convinti che..."
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News