Calcio Lecce
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

I numeri di Lecce-H.Verona 0-1: senza idee e personalità si va a fondo

La gara persa ieri contro la squadra di Baroni rappresenta il punto più basso sul piano del gioco in questo campionato.

33 passaggi lunghi. Tanti, tantissimi, troppi lanci alla disperata per tentare di raggiungere l’insperato pareggio contro la difesa strenua del Verona. Il Lecce visto ieri nel primo scontro salvezza perso, per giunta in casa, non ha più niente della squadra con identità chiara vista a inizio campionato. All’ormai esonerato D’Aversa si appella l’incapacità di spingere i suoi calciatori a una reazione e di sviluppare strategie diverse per compensare gli errori puntualmente compiuti in fase difensiva, con il centrocampo troppo costretto a correre a vuoto e, conseguentemente, la difesa scoperta.

Proprio da un errore di Gonzalez e Ramadani è nata l’azione del gol di Folorunsho (con tanto di sfottò nell’esultanza). I due centrocampisti si sono fatti “risucchiare” dal pallone tenuto da Suslov, freddo poi nel trovare la traccia per il compagno al limite dell’area. La partita del regista della nazionale albanese è, purtroppo, il simbolo del calo tecnico e di personalità del Lecce. Solo 24 palloni giocati e 13 passaggi riusciti in 82 minuti per l’ex Aberdeen: un regista ne dovrebbe gestire di più (60 per Baschirotto e Pongracic) vista anche la superiorità di possesso palla ieri per il Lecce (56% a 44%) e l’andamento della gara. Dall’altra parte i numeri di Duda: 55 palloni giocati, 26 passaggi riusciti di cui 12 nella trequarti (davanti a Folorunsho a 8). E’ solo un simbolo sia chiaro, ma rende l’idea

Il Lecce ha tirato di più (15-13) ma solo 3 volte in porta contro 4 del Verona (parata di Montipò su Krstovic e traversa di Almqvist su tutti). Nei 6 tiri del montenegrino spicca l’occasione nella ripresa in cui ha temporeggiato troppo attendendo l’intervento avversario. Una partita già ispida resa difficile dal vento ha abbassato la già non eccelsa precisione dei passaggi: 69% a 62% per il Lecce. Individualmente, sono mancati Almqvist e Oudin, entrambi precisi solo per il 55% delle giocate. Tanti palloni toccati in area dal Lecce (38 a 17) e zero graffi contro un Verona che ha tenuto quasi totalmente il pallone nella propria metà campo (17’27’’ di possesso contro soli 2’09’’, ma sufficienti per vincere, dal centrocampo in su).

La squadra gialloblu, più densa in difesa, ha tolto la possibilità di giocare sulle fasce al Lecce. Nella top 5 dei calciatori con passaggi riusciti figurano Baschirotto e Pongracic a 37 e 33 davanti a Duda (26), Serdar (24 e Coppola (19). Il migliore del Lecce, nonostante le contromosse avversarie, è stato Gallo. Top della gara per disponibilità al passaggio, 51 palle giocate (più di lui solo i due centrali di difesa) e 86% di precisione più 2 dribbling. Questo in 72 minuti di gioco prima di far posto a Dorgu. Lo spirito del terzino palermitano deve essere l’obiettivo da conseguire e trasmettere ai compagni per il nuovo allenatore.

Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Bar Biggi BRUNICO
Bar Biggi BRUNICO
1 mese fa

Finché aveva 5/6 punti di vantaggio era difficile esonerare un tecnico,,ieri hanno steccato la partita quasi salvezza e anche un pareggio sarebbe stato buono,, ma la squadra aveva troppa pressione come il MISTER,,Poi da tre anni che il Verona con un tiro vince a LECCE,,,Ma non ci gira nessun episodio ,,deviazione di BASCHIROTTO su un tiro centrale,,un rigore assegnato e non confermato,,sicuramente la posta in palio è stata controproducente per il Lecce,,,il secondo tempo snaturato, ma in quanti abbiamo chiesto le 2 punte per poi non tirare mai in porta,,ma dobbiamo crederci perché 3 vittorie possono arrivare anche come sono arrivate al Verona con SASSUOLO E LECCE,, 2 TIRI 6 PUNTI ,,

Vittorio
Vittorio
1 mese fa

Purtroppo il nervosismo del mister si trasmetteva ai giocatori,ieri e’ stata la ciliegina ma la società l’aveva messo nel mirino,ma veramente credete che sia stata una scelta dell’ultimo momento?a questi livelli non si prendono decisioni di pancia.Col Verona d’Aversa si giocava tutto e lo sapeva,adesso voltiamo pagina mancano tante partite,classifica corta e fluida.gotti a me piace

Luigi 77
Luigi 77
1 mese fa
Reply to  Vittorio

Si ma dovevano esonerarlo molto prima e non a cose compromesse

Mercenari
Mercenari
1 mese fa
Reply to  Luigi 77

Infatti, ma purtroppo più di là non riescono

Giuseppe
Giuseppe
1 mese fa

Ramadani regista….mamma mia, il regista è quello che in maniera metodica occupa il centro del campo e detta i tempi di gioco il tattico che manca a questa squadra.

Erpiu
Erpiu
1 mese fa
Reply to  Giuseppe

Ma con una squadra così slegata dimmi tu chi ha ben figurato…

Articoli correlati

L’ex difensore, in forza al Lecce dal 1989 al 1991, ha parlato alla Gazzetta del Mezzogiorno...
lecce empoli
Gli potrebbe bastare un'azione per entrare nella storia di questa stagione...
lecce empoli
Non ci sarà bisogno della tessera del tifoso...

Dal Network

Contro il Milan, l’ex Lorient ha continuato la sua striscia di realizzazioni...
Le dichiarazioni del tecnico del Sassuolo nel post-partita della sfida contro il Milan di Pioli....

Altre notizie

Calcio Lecce