Resta in contatto

Approfondimenti

Il Lecce e il terzo turno di Tim Cup. In A è bilancio negativo

I giallorossi giocheranno per la quarta volta il round con questa formula da componenti della massima serie. Per ora una sconfitta e due ko.

Domenica sera alle 20.45 partirà l’avventura stagionale del Lecce in Coppa Italia. I giallorossi si troveranno di fronte la Salernitana: un club cadetto, come da programma degli incroci per il terzo turno della competizione, salvo sporadici colpi di squadre di C o D nella tornata precedente.

Un turno che la compagine salentina si troverà ad affrontare per la quarta volta nella sua storia in una stagione di Serie A da quando, nel 2006/2007, è stata introdotta l’attuale formula. Un turno con il quale il Lecce non ha dimostrato in precedenza di avere un così straordinario feeling. Nei tre precedenti affini, infatti, i giallorossi sono incappati in due ko, con una sola vittoria all’attivo.

Andando a ritroso, il primo incontro dei suddetti che si incrocia è quello del 21 agosto 2011. Lecce-Crotone 0-2, un gol per tempo dei pitagorici con Djuric e Ciano. Era l’esordio ufficiale della gestione targata Di Francesco. Un match brutto, giocato male dai salentini che andò ad anticipare il non straordinario inizio di campionato di Di Michele e compagni.

Anno precedente, esito diverso. Nell’occasione il terzo turno di Tim Cup si giocò addirittura a fine ottobre. Era il 27 ed al Via del Mare arrivò il Siena di Antonio Conte, che in Serie B stava facendo ottime cose. E infatti i bianconeri misero non poco in difficoltà i padroni di casa, andando in vantaggio con Immobile. La reazione dei ragazzi di De Canio fu veemente, e si concretizzo nel poderoso tris firmato Bertolacci, Corvia e Chevanton prima dell’inutile gol di Kamata. Per i giallorossi fu passaggio del turno che diede morale in un momento non semplicissimo della stagione.

La prima volta in assoluto del Lecce nel terzo turno di Coppa da club di A fu il 23 agosto del 2008. Nell’occasione, manco a dirlo, nel Salento arrivò proprio la Salernitana. I granata, che si apprestavano a disputare una delle proprie più deludenti stagioni cadette della storia, riuscirono però nell’impresa di strappare vittoria e passaggio del turno al Via del Mare. Mattatore del match fu Re Artù Di Napoli, che in uno stadio semi-deserto insaccò con un gran mancino al volo il gol-qualificazione.

Un match che il Lecce di Fabio Liverani spera proprio di non ripetere. Soprattutto perché, e questa è forse più che una coincidenza, nelle due stagioni in cui è stato battuto nel turno in questione da un club di B è poi retrocesso. A differenza di quanto accadde nel 2010-2011: fu vittoria in Coppa e salvezza in campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Approfondimenti