Resta in contatto

News

GdM – Vanoli: “I fischi dei tifosi? Il pubblico ha sempre sostenuto la squadra”

“Il momento è innegabilmente delicato, in quanto quella con l’Udinese era una gara che bisognava cercare di vincere, ma che non si doveva assolutamente perdere ed invece è accaduto”, ha affermato l’ex calciatore giallorosso.

Rodolfo Vanoli, ex calciatore giallorosso, parla a La Gazzetta del Mezzogiorno, di quella che sarà la partita di lunedì sera contro il Parma.

MOMENTO DELICATO.Il momento è innegabilmente delicato, in quanto quella con l’Udinese era una gara che bisognava cercare di vincere, ma che non si doveva assolutamente perdere ed invece è accaduto. Ma anche perché quella subita contro il complesso friulano è stata la terza sconfitta consecutiva. Ciò premesso, però, bisogna mantenere i nervi saldi, evitare di farsi prendere dall’ansia e continuare a lavorare per tornare ai livelli di qualche settimana fa. D’altro canto, sia in C che in B, nelle fasi cruciali e difficili, sia la società che Liverani hanno dimostrato ampiamente di sapere gestire le diverse situazioni e bisogna essere fiduciosi che accadrà la medesima cosa anche in questo caso”.

LECCE-UDINESE.Nella partita con i bianconeri, i giallorossi hanno disputato un buon primo tempo, nel quale hanno concesso poco o nulla ed hanno creato alcune buone opportunità, la più clamorosa delle quali si è concretizzata nella traversa colpita da Babacar, la cui conclusione avrebbe meritato miglior sorte. Le cose sono mutate nella ripresa, quando i due esterni di centrocampo del 3-5-2 dell’Udinese hanno iniziato ad avere una certa libertà d’azione, in quanto il Lecce ha concesso campo agli avversari in ampiezza. Nonostante ciò, il match è stato sbloccato solo da una grande giocata di De Paul”.

PARMA-LECCE.Non si tratta certo di un confronto facile, ma i salentini hanno sin qui proposto le cose migliori proprio in campo avverso, dove hanno messo in cassaforte la maggior parte dei punti che vantano in graduatoria. Il Parma sarà arrabbiatissimo, dopo la goleada subita a Bergamo ad opera dell’Atalanta, ma quando si perde in maniera tanto netta, oltre alla bravura degli avversari, significa che ci sono anche dei problemi ed è su questi che dovranno cercare di fare leva Mancosu e compagni, con grande ardore ed a dispetto del momento delicato che stanno vivendo”.

MERCATO DI GENNAIO.Il gap tra la B e la A è enorme sotto tutti i profili. Ci sono differenze sul piano della qualità, della fisicità, aspetto questo che è stato evidentissimo contro l’Udinese, della personalità e dell’esperienza. L’innesto di qualche elemento che conosca già abbastanza bene la massima serie può rivelarsi prezioso e dare nuova linfa vitale ad un gruppo che, sul piano dell’impegno, della volontà e dell’abnegazione, ha dato sempre tutto”.

TIFOSI.Il pubblico ha sempre sostenuto la squadra e sempre lo farà. Ci sta che l’amarezza per il terzo stop di fila abbia portato dei mugugni, ma vanno interpretati esclusivamente come un atto d’amore”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News