Resta in contatto

News

Sticchi, il punto sull’andata: “Veniamo dalla C, è un successo. Salvezza? Ci crediamo fortemente”

Il giorno dopo la partita con il Parma, in cui è maturata la quarta sconfitta consecutiva, a prendere la parola è il Presidente Saverio Sticchi Damiani. L’obiettivo è quello di portare equilibrio e serenità all’interno dell’ambiente giallorosso.

SUCCESSO. “Partiamo dal presupposto che è giusto fare il punto alla fine del girone d’andata. Oggi ci troviamo virtualmente salvi con un punto di vantaggio, ma veniamo da un periodo di quattro sconfitte consecutive che non possiamo far finta di non vedere. Questo girone è comunque un successo per una squadra che viene dalla C e che ha fatto il doppio salto. Se andiamo a vedere le altre che hanno fatto il nostro percorso, a questo punto erano fuori dai giochi. Noi tutti crediamo di poter conquistare questa salvezza”.

INVESTIMENTI. “Da quando siamo entrati in Serie C, raccogliendo una situazione più che complicata, abbiamo investito tutti i ricavi, oltre a 16 milioni messi da parte della proprietà. Una cifra importante per noi, ma in ottica doppio salto è anche da considerata contenuta, perché ci sono precedenti più onerosi. Ciò significa che abbiamo fatto bene sotto tutti i punti di vista, vincendo e tenendo sotto controllo il bilancio“.

BILANCIO IN ORDINE. “Noi abbiamo zero euro di debiti con qualsiasi banca italiana o estera, in più abbiamo speso 5 milioni di risorse proprie per ristrutturare uno stadio in cui c’è una convenzione non in scadenza. Ma sono stati spesi 5 milioni di euro su una struttura che non possiamo nemmeno gestire. Questo è il quadro che ci ha portato in A, con uno stadio ristrutturato e che continuerà nel suo processo. Io non mi posso permettere, come fanno gli altri, di acquistarlo, vivere nei debiti e poi venderlo. Questo club non ha appeal dal punto di vista geografico, dobbiamo essere appetibili per i nostri bilanci, a parità di indebitamento verrebbe rilevato un club del nord per posizione. Io ho l’obbligo morale di tenere i conti in perfetto ordine. Questo è un fatto per me d’orgoglio”.

FIDUCIA. “Qui c’è chi ci celebra il funerale e questo non mi piace e non aiuta. Abbiamo un girone di ritorno da affrontare in cui le possibilità di salvezza sono intatte. Chi lotta con noi? Non solo quelle quattro in coda, ci sono altre società che possono essere coinvolte e che all’improvviso possono conoscere momenti difficili, come noi ora”.

LA SQUADRA. Arriva da un particolarissimo momento legato agli infortuni. Abbiamo fuori tanti giocatori importanti ai quali si aggiungono Falco, Mancosu e Lapadula, che giocano con gli antidolorifici. Questi sono ragazzi che pur di esserci giocano con le infiltrazioni”.

INFORTUNI. Tolto Farias, che ha un problema muscolare, sono tutte situazioni di gioco. I tempi di recupero non sono stati rapidi, io ho chiesto personalmente al dottor Palaia ad assicurarmi una presenza quotidiana insieme al dottore Congedo a servizio dei giocatori. Il Dottore tornerà con noi dopo aver risolto dei problemi di salute più importanti del calcio e sono felice che tutto si sia risolto”.

IL MOMENTO.  Quattro sconfitte possono capitare, non dobbiamo perdere le nostre certezze, su società, allenatore, direttore e i ragazzi.  Noi sappiamo che possiamo giocarcela, con la migliore salute dei nostri ragazzi più cinque nuovi arrivi. Qui nessuno vuole mollare un centimetro”.

I TIFOSI.  Ringrazio i 1600 tifosi che erano a Parma, mi dispiace per il risultato. Siamo stati accolti da tanti tifosi festanti e sono stato invitato dal locale Lecce club. Io cerco di essere garante di remare nella stessa direzione cercando di fare qualsiasi cosa per conservare la Serie A, che rappresenta un progetto tecnico e che riguarda anche le strutture. Il Lecce non può permettersi di scendere in B con le ossa rotte. Non dobbiamo riparare ai danni ma dobbiamo continuare a crescere. Ieri non ho visto una prestazione così drammatica. E’ mancata però una reazione dopo il gol, questo anche perché la squadra sente il momento. Altre volte siamo stati più aggressivi e organizzati, ieri sotto questo punto di vista siamo stati meno efficaci rispetto al passato”.

LECCE INTER. “Per me è come le altre, per me vale tre punti. Una gara difficile e proibitiva, in passato abbiamo strappato punti alla Juve e al Milan, magari l’Inter incappa in una giornata storta e noi in quella buona. Ma il girone di ritorno sarà tutto difficile”.

ARBITRAGGI.  Io credo che, per determinati comportamenti che abbiamo avuto, la classe arbitrale abbia capito che qui c’è una società seria. Io non faccio piazzate come negli anni 80. L’unico modo di porsi è quello diretto e corretto, credo che questo sia molto più apprezzato. Noi siamo una società credibile, sia in lega che rispetto agli arbitri, perché agiamo sulle regole, se poi c’è l’errore arbitrale non è detto che ci sia un disegno. Ieri il gol del Parma nasce da un fallo, ma non so se nasce da chissà quale teorema. Però così è”.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

L’unica cosa che conta realmente? QUESTA:
” …a società se spende lo fa con soldi propri e non delle banche. È una rarità nel mondo del calcio. L’U.S. Lecce in questo momento ha zero euro di debiti con qualsiasi banca…” dall’intervista di Sticchi.

Poi il tifoso a prescindere da questo ha pieno diritto di elogiare o non elogiare la squadra, che a mio avviso ha molto più potenziale che i ragazzi non cacciano fuori. E’ diritto di CHIUNQUE paghi i biglietti e l’abbonamento.

Albjnews
Albjnews
10 mesi fa

Presidente da cittadini e tisosi leccesi noi ci crediamo e vogliamo che tutti ci credano a cominciare dai nostri ragazzi che danno l’anima per non uscire sconfitti dal terreno di gioco e deve continuare ad essere così. Forza ragazzi, avanti Lecce. 💪💪💪

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Che la rendono appetibile all’estero…Cioè?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Presidente comunque vada noi tifosi veri del Lecce siamo grati a questa società

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Si , ma noi tifosi vogliamo mantenere questa categoria se per voi sarà possibile

Federico Grasso
Federico
10 mesi fa

Io tifo la maglia, non la categoria.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Grande presidente e grande società

Susy
Susy
10 mesi fa

Un pensierino sull allenatore no eh?…na manovra d attacco la sape fare?…una…una….dru diu

Fedex
Fedex
10 mesi fa
Reply to  Susy

Ahahahahahah

Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un grande ottima visione di gioco nel centrocampo dell'epoca."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Durante una marinata da scuola x assistere agli allenamenti del LECCE, mentre i calciatori facevano riscaldamento intorno al campo, GRIDAI..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Cuore giallorosso e salentino verace. Sempre pronto a rimarcare l’amore per le sue origini e per l’US Lecce (vero Conte?). Il ritorno come..."

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Un sogno che speriamo ritorni con un giovane di pari valore"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Una classe cristallina"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News