Resta in contatto

News

Lapadula è on fire, il Perù torna a pensarci. E l’agente apre alla Nazionale sudamericana

L’attaccante del Lecce è tornato alla ribalta dall’altra parte del mondo dopo le recenti ottime prestazioni. Si riaprono le porte della selezione “rojiblanca”?

Dopo un periodo difficile, tra squalifiche ed infortuni, coinciso con l’inizio dell’inverno, Gianluca Lapadula si è ripreso il Lecce. La doppietta decisiva per il colpo a Napoli è solo la più recente, e più bella, delle prodezze stagionali dell’attaccante, che in relazione ai minuti giocati sta senza dubbio disputando un buon campionato.

Se ne sono accorti, o meglio ricordati, anche dall’altra parte oltre l’Oceano Atlantico, in Sudamerica, ed in particolare in Perù, patria della madre del bomber giallorosso. Già protagonista, così come tutto il Lecce, a livello nazionale in Italia, Lapadula si è ritrovato nelle ultime ore in prima pagina anche nei più importanti quotidiani peruviani.

Questo perché, come logica conseguenza del momento “on fire” della punta, c’è la possibilità che questi possa vestire la camiseta rojiblanca della nazione di cui è, per metà, originario. Si tratta di una storia che torna alla ribalta dopo essere stata di grande attualità nel 2016, prima della Coppa America del Centenario.

Ai tempi, quando Lapadula spadroneggiava in Serie B divenendone capocannoniere e portando a suon di gol (30) il Pescara in A, il ct del Perù Gareca volò addirittura in Abruzzo per parlarci di persona. Dietro al viaggio primaverile la proposta di divenire un punto fermo della sua seleccion, per concretizzare la quale bastava un sì e circa un mese di processo burocratico per il riconoscimento della cittadinanza.

Benestare che da parte dell’attaccante non tardò ad arrivare, con tanto di pubblicazione social di sé stesso in maglia Perù. Il passaggio sembrava dunque una pura formalità, sfumata però dopo quanto avvenne in estate. Lapadula accettò infatti l’offerta del Milan, con conseguente interessamento per lui da parte di Ventura. E infatti la chiamata dell’Italia non tardò ad arrivare.

Era il novembre 2016, quando il sogno azzurrò dell’attaccante del Lecce si concretizzò in seguito all’infortunio di Gabbiadini. Concretizzato a metà, perché con Liechtenstein e Germania Lapadula resta in tribuna. Per scendere in campo deve aspettare il 31 maggio 2017, quando nell’amichevole Italia-San Marino realizza 3 degli 8 centri azzurri. Quella è però l’Italia sperimentale, e le possibilità di Lapadula di giocare per il Perù restano intatte.

Formalmente parlando, ma non solo. Sì, perché i successivi mesi sfortunati al Genoa allontanano nettamente il 9 giallorosso dall’azzurro. Ipotesi Nazionale italiana che resta molto complicata anche dopo l’attualmente buono campionato in corso a Lecce.

A Lima e dintorni ne sono consapevoli, e sono tornati alla carica negli ultimi giorni. Rpp, Diario Correo, lo spagnolo AsAmericatv: molti dei principali media che parlano del Perù hanno parlato della vicenda. Soprattutto El Comercio, che ha anche intervistato l’agente di Lapadula, Gianluca Libertazzi. Questi ha aperto la strada ad un’eventuale convocazione con un laconico “Perché no?”, sottolineando però che ad oggi non è ancora stato contatto. Se continua così la chiamata non tarderà certo ad arrivare.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News