Resta in contatto

Approfondimenti

Atelkin, il bomber mancato del Lecce di Prandelli: l’uomo giusto nel momento sbagliato

L’attaccante di cui tanto bene si parlava in Europa arrivò per risollevare le sorti, disperate o quasi, di una squadra già con un piede in Serie B.

Quella 1997/98 è passata alla storia come una delle peggiori stagioni del Lecce in Serie A. A causa di un pessimo avvio e di un invernata ancora peggiore, i giallorossi furono quasi da subito fuori dal discorso salvezza, con un piede presto in Serie B. Eppure a fine autunno una speranza proveniente dall’est Europa sembrò poter rimettere in corsa i giallorossi. Una speranza che rispondeva al nome di Sergiy Atelkin.

Il classe 1972 ucraino era ai tempi la stella dell’attacco dello Shakhtar Donetsk, club della sua città natale pronto a contendere la supremazia nazionale alla Dynamo Kiev e lanciarsi nel calcio internazionale. Proprio in una gara europea, quella di Coppa delle Coppe contro il Vicenza, il tecnico del Lecce Claudio Prandelli lo notò e se ne innamorò, convincendo il club salentino a mettere nero su bianco.

La società della famiglia Semeraro anticipò la concorrenza di mezza Europa, pronta ad accaparrarsi il promettente attaccante capace di siglare 22 gol nell’ultimo anno e mezzo in Ucraina. Annunciato come quel cecchino di cui il Lecce tanto aveva bisogno, cercò di allontanare i timori relativi ai problemi di comunicazione a causa delle divergenze linguistiche che si sarebbero potute creare.

“I compagni non si preoccupino, avranno poco da parlare con me: buttino il pallone avanti, il resto verrà quasi naturale”. Parole sicure ed entusiaste che riaccesero gli animi sopiti e non troppo speranzosi della tifoseria giallorossa. Parole alle quali, però, non seguirono fatti particolarmente esaltanti. Il bilancio collettivo delle prime 9 gare giocate da Atelkin con il Lecce fu traumatico: 8 ko, un pareggio ed un solo, inutile, gol nell’1-3 con la Roma.

Meglio l’ucraino fece a fine campionato, con due gol, a Napoli e Bologna, che portarono 4 punti in dote. Centri che, così come le prestazioni grossomodo in crescendo, furono inutili per un Lecce già retrocesso a inizio girone di ritorno. E non andò meglio, tutt’altro, l’inizio di stagione seguente. Tant’è che, dopo i quattro match di Coppa Italia con Monza e Piacenza, la società lo diede in prestito ai portoghesi del Boavista.

In riva al fiume Duero, così come nelle stagioni successivi, al ritorno a Donetsk, Atelkin ritrovò sé stesso. Media gol di tutto rispetto, con un centro ogni tre gare circa, campionati di vertice e partecipazioni alle coppe europee. Compresa la Champions League, vissuta da punta di riserva in arancio-nero. Nuove esperienze che aumentarono i dubbi salentini: Atelkin fu un bidone o un buon giocatore arrivato nel peggior momento a Lecce? Gli indizi derivati dalla sua carriera sembrano far propendere l’ago verso la seconda ipotesi.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Approfondimenti