Resta in contatto

Pagelle

Le pagelle del Lecce: Lucioni regala la partita alla Juve. Shakhov dai due volti, bene Paz-Donati

Juventus-Lecce, le pagelle giallorosse: tra le “sorprese” delude solo Vera, mentre l’ucraino va alla grande per poi rovinare tutto. Petriccione il migliore, non andava sostituito.

Gabriel 5,5 – Ormai il fatto che debba rovinare ottime prestazioni con reti al passivo assolutamente evitabili sta diventando una preoccupante abitudine. Il brasiliano è perfetto fino a dopo il rigore di Ronaldo ed alla successiva parata sul colpo di testa del portoghese. Il gol di De Ligt, nel quale resta piantato sulla linea di porta, però proprio no

Rispoli 5,5 – Sarebbe da 7 per corsa, generosità, grinta e voglia di lottare su ogni pallone. Nessuno dei gol sono “causa” sua, e questo non è poco all’interno di un collettivo che regala reti come fosse il compleanno di ogni avversario di turno. Il gol fallito all’inizio (aveva tempo e spazio per fare meglio) ed il modo in cui si perde Ronaldo rendono impossibile dargli un voto migliore

Donati 6 – Adattato centrale a tre, ed in alcuni frangenti addirittura a due, si difende benissimo. Poteva fare di più ma forse nemmeno tanto, sul tris di Higuain. Nel resto del match è davvero tra i più positivi sotto ogni punto di vista

Lucioni 4 – Meriterebbe 2, perché un errore come l’inciampo che gli costa il rosso non è accettabile tra gli amatori, figuriamoci in Serie A. Lo “alziamo” a 4 solo perché, fino alla topica della mezz’ora, stava disputando una signora partita. Deve ritrovarsi, errori così nella lotta alla salvezza possono costare la retrocessione

Paz 6 – Una sorpresa dal primo minuto, e tra le più belle di certo. Prima uscita dall’inizio in maglia giallorossa in cui paga qualcosa solo in velocità su Bernardeschi e soprattutto Douglas Costa, risultando tuttavia impeccabile come posizionamento e copertura. Non molla e ne esce a testa alta

Vera 5 – Che orgoglio, ma che brividi esordire dal primo minuto in Serie A sul campo della squadra più forte! Il colombiano è grezzo e si vede: timido, corre con il freno a mano tirato e sbaglia quasi ogni passaggio, tra cui due che mandano in porta gli avversari. In compenso nessun gol subito per colpa sua, tutto sommato poteva andare peggio

dal 77′ Calderoni 5,5 – Soffre da subito Douglas Costa. Ha un paio di ottimi palloni in avanti che spreca malamente

Petriccione 6,5 – Un tempo a testa alta e di grande personalità da parte sua. Percentuale altissima di passaggi riusciti da regista illuminato, pressing e buon posizionamento su un Rabiot che comunque lo fa soffrire. Sembrava al top della forma, ma poi è sostituito ed il Lecce crolla

dal 46′ Rossettini 4 – Ecco perché stava in panchina. La sua prova è un disastro, e l’approccio decente è una mera illusione perché poi regala il rigore a Ronaldo ed il poker a De Ligt. Ecco uno dei papabili come “vacanzieri” in quarantena

Tachtsidis 6 – Tra le migliori prestazioni stagionali del greco. Nel primo tempo spennella a destra e a manca ed il Lecce viaggia alla grande, a tratti dominando il centrocampo. Non commette errori di copertura ed i bianconeri centralmente non sfondano quasi mai

Mancosu 6 – Sufficienza pienissima per il capitano, collante fondamentale tra centrocampo e attacco nel miglior momento del Lecce. Aiuta a contenere Betancur e Bernardeschi, pericolosi solo quando si sganciano dalla sua zona. Sfiora il gol a inizio match e fa girare bene il pallone

dal 72′ Barak 5,5 – Non è in condizione, forse un Primavera al suo posto avrebbe fatto meglio. Gioca poco, il tempo di sbagliare ogni pallone esclusa una bella apertura per Calderoni. Fisicamente a terra: deve riprendersi

Shakhov 5 – Cinquantadue minuti abbondanti da 7 pieno in pagella, perché si muove alla grande spadroneggiando sulla trequarti ed offrendo due palle d’oro a Rispoli e Mancosu. Poi il suo assurdo retropassaggio di esterno manda in gol Dybala e spacca la partita. Perché fai così, Yehven?

Falco 5,5 – Quando il Lecce se la gioca alla pari della Juve, gli manca proprio il suo elemento più talentuoso. Timidino, a tratti evanescente, non fa malissimo ma di certo da lui ci si attende di più. Esce lasciando l’impressione che poteva sfruttare quegli spazi molto meglio

dal 62′ Babacar 6 – Escluso un pretenzioso tiraccio stoppato da Szczesny, gestisce bene quasi ogni pallone passi dalle sue parti. Non è al top della forma, ma visto il panorama non è certo da buttare via. Con la Samp deve prendere per mano i compagni

All. Liverani 6 – Diciamocelo: nessuno al mondo avrebbe immaginato un Lecce, così incerottato, capace di arrivare a reti bianche in casa della Juventus. Interpretazione della gara perfetta, rovinata solo dalla cavolata inaccettabile di Lucioni. Altrimenti, chissà…ma Petriccione era quasi perfetto, non andava sostituito

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Pagelle