Resta in contatto

Approfondimenti

Solida, imbattuta e con quattro ex Lecce in difesa. Il Cosenza vuole allungare la striscia

I rossoblu domenica ospiteranno l’undici di Corini. L’obiettivo e mettere in cascina punti per una salvezza che sia meno sudata di un anno fa.

Domenica pomeriggio il Lecce sarà chiamato alla prima sfida tutta meridionale della stagione, quella in casa del Cosenza. Un match che si preannuncia ancor più ostico di quanto già non lo si potesse indicare alla vigilia della stagione. I calabresi, partiti con l’obiettivo salvezza, sono infatti ad oggi imbattuti, ed intendono allungare la striscia per evitare problemi già riscontrati, soprattutto ad inizio stagione, un anno fa.

Quello scorso è infatti stato un campionato di problemi e polemiche ai piedi della Sila, visto che per lunghi tratti i rossoblu sembravano quasi spacciati nei piani bassi della classifica. Esonerato Braglia, sul banco dell’imputati erano rimasti il patron Guarascio e il ds salentino Trinchera, che però pescarono dal cilindro il coniglio-Occhiuzzi. Il giovane tecnico “fatto in casa”, poiché cosentino e precedentemente alla guida di giovanili e già vice di Braglia, si è prodotto in un miracolo culminato nella permanenza conclusiva, guadagnandosi la conferma.

Una salvezza strappata a suon di solidità difensiva ed un gioco più di squadra che di singoli che sta trovando continuità in un buon inizio del torneo in corso. Il Cosenza è stato fino ad oggi granitico, con quattro pari in quattro match che rendono i calabresi una delle sei imbattute del campionato. Su tutti spiccano l’1-1 con due favorite come Spal e Cittadella, ma anche lo 0-0 nel derby di Reggio Calabria arrivato con oltre un’ora di gioco in inferiorità numerica.

La rosa non è delle più roboanti, ma ha tutte le carte in regola per regalare ai tifosi la terza permanenza di fila. Tra i pali fiducia fino ad oggi a Falcone, mentre in difesa spicca una linea “giallorossa”. Legittimo, Ingrosso, Schiavi e Vera: i primi due nel Lecce sono cresciuti, il terzo ci ha vinto ed il colombiano è infine in prestito, volenteroso di trovare continuità al San Vito. In mediana i soliti Sciaudone e Bruccini, ma anche il promettente Sacko in prestito dal Nizza. Infine l’attacco, dove primeggiano le qualità dell’ennesimo salentino in rosa, Mirko Carretta.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti