Resta in contatto

News

Giacomazzi: “Corvino? Un mercato da 10. Il Lecce disputerà i play-off…”

Giaco, intervistato da Super News, dopo aver esaminato la sua carriera da calciatore, si è pronunciato anche sul Lecce di oggi. Tanti argomenti caldi: il calciomercato, le concorrenti e gli errori arbitrali che complicano il torneo cadetto.

Qui la prima parte

RENDIMENTO DEL LECCE. “Nel calcio ci sono tante dinamiche e tanti fattori da valutare. Nel Lecce sono cambiati molti giocatori, così come è cambiato l’allenatore. La squadra, per i nomi e per la qualità che ha, sta avendo un rendimento al di sotto del suo potenziale. Tuttavia, ci sono molti giocatori giovani, stranieri, e riuscire ad amalgamare questi innesti e creare un’idea di gioco non è semplice. Ci vorrà del tempo. In ogni caso, credo che i giallorossi siano forti: hanno disputato un’ottima partita contro la Cremonese, hanno una rosa di calciatori esperti per la categoria, i giovani stranieri stanno cercando di adattarsi al meglio a questa tipologia di calcio. Il campionato è lungo, mancano ancora tante partite. L’importante è restare uniti e non creare troppi problemi alle prime difficoltà, perché di problemi ce ne saranno ancora”.

VOTO A CORVINO. “Fare mercato, in una situazione economica difficile come questa, è una cosa che non deve essere sottovalutata. Corvino è riuscito a portare a Lecce tanti ragazzi di qualità e di prospettiva, senza spendere troppi soldi. I frutti di un mercato del genere si vedranno in futuro. Inoltre, il Lecce dispone di giocatori esperti come Mancosu, Meccariello, Pisacane, Lucioni. Mi sembrano nomi importanti per un campionato di Serie B. Credo che il mercato fatto da Corvino sia stato ottimale: è riuscito nell’intento di amalgamare l’esperienza alla freschezza di questi nuovi ragazzi. Reputo da voto 10 il mercato del direttore sportivo”.

ANCORA SU CORVINO. “Purtroppo, a volte nel calcio non c’è proporzionalità diretta tra buon mercato e rendimento della squadra, perché questo è uno sport fatto anche di episodi e situazioni particolari, momenti in cui serve personalità e capacità di leggere le partite. Ancora i risultati non sono quelli che tutti quelli che tifano Lecce si aspettano, ma c’è ancora tempo: mancano ancora tante partite da giocare e l’obiettivo è lì vicino, non è lontano. Il Lecce ha passato un momento abbastanza complicato, ma nell’ultima partita la squadra ha voluto dimostrare di esserci ancora. Non sarà facile giocare con squadre che devono salvarsi. Anche il Pescara, che reputo una squadra forte, con tanti ragazzi di prospettiva, è ultima in classifica. Sabato 27 febbraio il Lecce giocherà proprio contro i biancazzurri, e non sarà assolutamente semplice. La Serie B è un campionato difficile, in cui la squadra più equilibrata è quella che arriva più lontano”.

PLAYOFF. “Il Lecce disputerà i playoff? Sì, secondo me sì. Il Lecce dispone di una rosa completa e di un bravo allenatore. Non arrivare ai playoff sarebbe una delusione, credo che tutti siano consapevoli di questo. Tuttavia, sono sicuro che i giallorossi arriveranno a disputare i playoff, perché la squadra è forte. Bisogna essere uniti”.

ERRORI ARBITRALI E VAR. “Io vengo dal calcio in cui questa tecnologia non esisteva. Ho perso tante partite a causa dell’assenza di un sistema come il Var. È una tecnologia che cerca di diminuire gli errori, anche sta togliendo un po’ di “folklore” al calcio, ai suoi tifosi. A volte, bisogna attendere un po’ prima di capire se è gol o meno, se è rigore o no, se è fallo o meno, ma sicuramente è un sistema che garantisce più giustizia. C’è da dire che anche in sala Var si sbaglia, perché è difficile leggere correttamente alcuni episodi. Tuttavia, è normale che, in un campionato privo del Var, si pensi a quanto sia necessaria una tecnologia del genere”.

C’ERA SUDDITANZA PSICOLOGICA. “Al momento, però, dobbiamo accettare questa condizione. Sicuramente, il VAR può aiutare gli arbitri, aiuta a commettere meno errori, ma gli errori, in fin dei conti, si commettono sempre. Inoltre, ci tengo a devo fare i complimenti agli arbitri italiani: sono davvero bravi. Seguo anche altri campionati oltre la Serie A, e noto una grande differenza tra gli arbitri italiani e quelli di altre realtà europee. Quando giocavo, negli anni novanta e duemila, c’era sudditanza psicologica, ma oggi gli arbitri dirigono le gare anche in stadi vuoti, quindi gli errori li fanno non per pressione psicologica, ma per una valutazione errata dell’episodio. Tutto questo fa parte del gioco”.

CHI SALIRA’ IN SERIE A. “Questa è una domanda difficile. L’Empoli ha una bella idea di gioco ed è una squadra concreta. Si trova prima in classifica e sono sicuro che salirà in Serie A. Per quanto riguarda la seconda squadra che conquisterà la promozione, non saprei: ne indicherei una tra Monza e Lecce, squadre a mio parere più forti delle altre, ma anche il Venezia mi piace, gioca un buon calcio. Inoltre, trovo solida e con ottimi singoli la Salernitana. Quello che conterà per decretare chi salirà in Serie A sarà la testa, la condizione fisica e la fiducia nei propri mezzi, in una condizione sanitaria molto complessa. In ogni caso, la squadra che sicuramente troveremo nella massima serie il prossimo anno sarà l’Empoli, per la continuità dimostrata e per la qualità che ha fatto vedere”

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Con olivieri in campo giochiamo sempre con un uomo in meno io da profano me ne sono accorto come mai i responsabili non riescono a vedere"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Classico di chi non sa argomentare, girarla sul piano personale. Il tuo? Solo pregiudizio e necessità di sentirsi duro e puro senza averne fisiologia..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da News