Resta in contatto

News

Stroppa: “Lecce e Salernitana? Ognuno deve guardare in casa propria, conterà la rosa al completo…”

L’ex allenatore, tra le altre, di Crotone e Foggia, ha concesso una lunga intervista a Salernitana News. Si è parlato ovviamente di corsa promozione.

LOTTA AL VERTICE. “La Salernitana sta bene mentalmente e fisicamente, ha vinto una gran partita contro il Venezia. Il Lecce aveva perso con la Spal, ma si è riscattato a Vicenza. Sono entrambe in forma. In questo momento credo sia più importante guardare in casa propria che in quella dell’avversario. Tutte e due le squadre hanno le carte in regola per essere promosse direttamente. Il punto che c’è di differenza in classifica cambia davvero pochissimo. Bisogna proseguire, ragionando partita dopo partita e vedere cosa accade. Un fattore sarà avere tutti i calciatori a disposizione e avere una buona condizione psicofisica. Se hai tutto questo sei certamente avvantaggiato. Dai playoff poi si azzererà tutto. Chiaramente finire più in alto porta dei vantaggi nella post season, ti fa saltare il preliminare e hai dalla tua i risultati a favore”.

FABRIZIO CASTORI. “Castori è indiscutibile. Si è mantenuto nelle prime posizioni fin dall’inizio, nonostante abbia qualche leggera e fisiologica flessione. Ora però è lì a giocarsi la promozione diretta. Il suo lavoro non si può contestare. La rosa della Salernitana è assolutamente competitiva, ci sono importanti individualità, ma la mano dell’allenatore è fondamentale. Castori è stavo bravo ad impiegare quasi tutti i componenti della rosa, perché anche chi subentra fa la sua parte e risulta spesso decisivo. Ad inizio stagione c’era malumore tra i tifosi, visti i risultati della scorsa. Con i risultati positivi di quella attuale però la squadra avrebbe potuto portare dalla propria parte tutto l’ambiente. I tifosi si sarebbero quindi da subito messi al fianco dei calciatori”.

LE ALTRE.Il Monza poteva fare molto di più. Ha faticato nelle ultime partite, poi ha vinto con la Cremonese, ma è a sei punti dal secondo posto e credo siano tanti. Stesso discorso per il Venezia che ha fatto cose straordinarie, sia sul piano del gioco che dei risultati. Purtroppo ha perso dei calciatori importanti in alcuni momenti clou, come Forte e Vacca, e ha avuto dei passaggi a vuoto”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News