Resta in contatto

Approfondimenti

Con le big solo grandi prestazioni finora: è la forza del nuovo del Lecce

Parma, Benevento, Crotone, Cittadella e ora Monza: i giallorossi hanno dato il meglio di sé contro le compagini più accreditate.

Dopo nemmeno due mesi di calcio nella nuova stagione è difficile vedere i dettagli delle novità a tutto tondo che una nuova conduzione tecnica può apportare. Così è anche per il Lecce di Marco Baroni, che però in poche giornate più la Coppa ha già palesato una netta inversione di tendenza rispetto al recente passato: è una squadra grande con le grandi. O almeno con quelle che, rosa alla mano, è giusto che vengano considerate tale.

Tutte le migliori gare dei salentini sono infatti arrivate nei match considerati più delicati per le caratteristiche degli avversari. A Parma fu calcio d’agosto, con l’importante indicazione di un Lecce potenzialmente devastante con lo spazio per colpire sulle fasce, se lasciato giocare, e con un Coda già in palla. Per rivedere gran calcio si è dovuta attendere la più insidiosa trasferta tra le prime in programma, quella di Benevento. Di fronte una potenziale corazzata e sul rettangolo verde un match in cui i salentini hanno sommato occasioni, mancando i tre punti solo per imprecisione, prodezze di Paleari e sfortuna (palo di Strefezza).

Altra trasferta altra neo retrocessa: il Crotone di Modesto, di certo ad oggi non una delle candidate per la vetta ma la cui rosa è da parte sinistra della classifica. Gioco frizzante, solidità dietro e calabresi asfaltati. Più dura tra tutte la trasferta a Cittadella contro una squadra che in faccia a faccia con le big è specializzata. Qui, più che mai, per Lucioni  e soci la capacità si soffrire, anche incassare, ma prendere il pallino per larghi tratti e soprattutto in una ripresa in cui a lungo si è giocato in una sola metà campo.

Dulcis in fundo, il big match con chi ancora una volta ha speso più di tutti. Un Monza che non ha certo fatto malissimo a inizio annata e che, dopo un fisiologico periodo di assestamento, è stato demolito su ogni fronte. Questo elenco per essere consapevoli sia dell’importanza di avere pazienza per crescere bene sia di come sia prevedibile, per un undici dalle caratteristiche del Lecce, essere meno spumeggianti con una piccola arroccata a difesa della propria porta. E poi il dato inequivocabile: l’undici di Baroni ha la mentalità giusta da mettere in campo nelle gare che valgono doppio.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti