Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Monza, Galliani: “Berlusconi è un visionario, realizza i sogni. Possiamo andare in A”

L’amministratore delegato del Monza Adriano Galliani ha parlato sulle colonne di Tuttosport della situazione in casa biancorossa.

Adriano Galliani è soddisfatto di quanto visto domenica nel derby: “Contro il Como la prima frazione di gioco è stata spettacolare – ha spiegato a TuttoSport – , si pretende quindi che i giocatori ci mettano sempre la stessa grinta e carattere. Io mi arrabbiamo se giochiamo male e non ci impegniamo al massimo, non se perdiamo”. L’amministratore delegato del Monza non nasconde l’obiettivo stagionale ma ne parla con consapevolezza: “Il grande obiettivo è andare in Serie A ma dobbiamo affrontare il campionato con la massima concentrazione. Adesso siamo a metà classifica ma nelle ultime sei partite abbiamo fatto dodici punti. Se giochiamo come nel primo tempo con il Como andiamo in A. Possiamo farcela”.

Nessuna paura per la trasferta di Ascoli“Andremo al Del Duca per giocare a testa alta”. Nella lunga intervista rilasciata al quotidiano Nazionale il Condor ha raccontato anche il suo rapporto duraturo con Silvio Berlusconi“E’ un visionario: sogna e realizza i suoi sogni. E’ una delle persone più buone e generoso che abbia mai incontrato e ha vissuto quattro vite: da costruttore, in televisione, nel calcio e nella politica. Il nostro segreto è che non discutiamo mai e che anche quando non siamo d’accordo ci confrontiamo in modo pacato”.

Approda su ForzaMonza.it per tutte le news sui biancorossi.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Flacco Venosa, Potenza"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima un uomo, poi un allenatore come nessun' altro"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario