Resta in contatto

News

Clotet: “Il Lecce tra qualche mese sarà in A. Strefezza? L’avrei visto bene nel mio calcio, ma…”

L’allenatore della formazione estense ha presentato la gara di domani sera contro il Lecce. Questo un estratto delle parole riprese da LoSpallino.

DISPONIBILI. “Seculin? Tra ieri e domenica ha fatto un lavoro per recuperare sull’adduttore. Valuterò dopo l’allenamento di oggi. Vicari e Viviani squalificati? Sono due calciatori importanti, ma penso più a sistemare la squadra funzionalmente sul nostro avversario. Ho fiducia in tutte la rosa. Heidenreich o Peda? Sono entrambi concentrati e conoscono bene la posizione”.

LA GARA PRECEDENTE. “Quella di Cosenza per noi è stata una partita importante perché volevamo fare un bel lavoro difensivo e mantenere la porta inviolata. Ci sono stati dei passi in avanti perché siamo riusciti ad andare in vantaggio facendo una buona partita e abbiamo saputo mantenere il risultato. Detto questo io rimango sempre coi piedi per terra. Alcune cose le abbiamo fatte bene e altre un po’ meno, di sicuro mi sono piaciuti atteggiamento e voglia di vincere della squadra. L’emozione del risultato della partita precedente di norma dura per poco e poi si mette subito la testa alla partita successiva”.

LECCE. “Il Lecce verrà a Ferrara con la voglia di vincere, ma per noi è lo stesso. Giocheremo in casa contro un avversario difficile, che a mio giudizio tra qualche mese sarà in Serie A. Il Lecce gioca in modo efficace, con chiarezza, crea tanti pericoli. Sa bilanciare bene la pressione e la difesa vicino alla porta. Per noi sarà una bella sfida”.

PRO E CONTRO.“A Cosenza, sul momento, ho pensato che la SPAL avesse fatto soprattutto un grande lavoro difensivo, pur riducendo la capacità di andare al tiro. Riguardando la partita ne ho avuto conferma, ma ho anche visto che la squadra, a parte i venticinque minuti finali, ha giocato bene in verticale, creando meno tiri del solito ma aumentando la sua efficacia. Credo che la mentalità dei ragazzi sia stata fantastica, anche se sono state perse delle palle che normalmente non perdiamo”. 

DIFFICOLTA‘. “Le partite si possono giocare in diversi modi e si può usare un po’ tutto. A Cosenza abbiamo aggiunto qualcosa al nostro gioco e contro il Lecce dovremo leggere bene la situazione e decidere come comportarci. Può succedere che i nostri avversari con le loro capacità offensive ci portino ad adottare un atteggiamento diverso. Di certo c’è che a entrambe le squadre piace pressare alto. A noi in particolar modo. Dovremo trovar qualche situazione diversa se non dovessimo riuscirci.”

OSTACOLI. “Dovremo prestare particolare attenzione al loro attacco, visto che al momento è il più forte della B. Sono pericolosi nello spazio, ma hanno una grande capacità nel tiro da fuori area. Coda è sempre pericoloso negli ultimi metri. Uno dei nostri obiettivi sarà ridurre al minimo le perdite di palle o al massimo concederle in situazioni in cui il Lecce non potrà essere produttivo. Dovremo togliere spazio a Strefezza e Di Mariano, i loro tiratori. Sarà anche importante controllare i cross, loro ne fanno un uso molto ampio. Insomma, servirà molta concentrazione”.

STREFEZZA. “Strefezza l’avrei visto bene nel nostro di attacco. E’ un giocatore che mi piace, avrebbe avuto senso nella mia idea di calcio. Però sapevo che la società aveva delle difficoltà e sarebbe potuto andar via. Prima di salire sul pullman per andare in ritiro venne Valoti a dirmi che andava via e per me fu un momento difficile. Pensavo che con un po’ di fortuna Strefezza e Di Francesco sarebbero potuti rimanere. La società non poteva trattenerli. E’ andata così e dobbiamo stare concentrati sul presente. Penso che a tutti i tifosi sarebbe piaciuto un attacco del genere”.

MANCOSU. “Anche a Cosenza ha dimostrato di essere un grande calciatore. Si trova in un momento di forma eccezionale in un momento che statisticamente è sempre il più difficile. Mi è piaciuta non solo la sua partita d’attacco, ma anche la mentalità difensiva nell’aiuto della squadra”.

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Flacco Venosa, Potenza"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima un uomo, poi un allenatore come nessun' altro"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Hai perfettamente ragione"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ottima scelta quella di ingaggiare quelli tra loro che possono ancora lavorare per il Lecce, anche se piu di lavoro dovremmo chiamarla passione"
Advertisement

Altro da News