Resta in contatto

Le pagelle di Calciolecce

Le pagelle di Reggina-Lecce: di Strefezza l’unico guizzo. Calabresi-Barreca, errori decisivi

Reggina-Lecce, le pagelle: disattenzione come quelle dei terzini ora possono valere un campionato. Coda e Di Mariano tradiscono, Hjulmand regge ancora una volta il centrocampo.

GABRIEL 5,5

Rischiare di perdere la Serie A per mezzo tiro subito in una gara che andava azzannata fa male, davvero male. Ecco perché anche pochi centimetri di distanza nell’indirizzare una respinta fanno la differenza. Il brasiliano dice no a Kupisz, ma quel pallone non doveva andare lì

CALABRESI 4

Almeno Barreca aveva la scusa di non giocare da quattro partite. La solita grinta è zero quando c’è in gioco tanto e serve metterci concentrazione e quel pizzico di qualità necessaria ad avvicinarsi all’obiettivo. Lui non fa né l’una né l’altra cosa: non segue incredibilmente Kupisz che di fatto inventa l’1-0 per poi sbagliare cross e tocchi, spesso clamorosamente semplici

LUCIONI 6

Quando l’avversario gioca senza attacco dovresti mangiartelo, cosa che per colpa dei compagni non avviene. Non certo del capitano, che al centro gestisce bene mentre ai lati i terzini sono banderuole che stendono tappeti rossi agli avversari. Ci prova di testo, lui di più davvero non può fare

TUIA 6

Il centrale laziale fa quel che può, ed in effetti Folorunsho dalle sue parti non tocca grandi palloni. Male in impostazione e proiezione offensiva, sebbene di certo non sarebbe suo compito. Prova a controllare fino alla fine cercando di mettere toppe dove, in avanti, non si va oltre il cercare di dare fastidio ad avversari che qualcuno considerava “in vacanza”

BARRECA 4,5

Se nelle tre precedenti uscite non ha fatto un minuto ci sarà stato anche un motivo, ed oggi lo abbiamo visto tutto. Corsa ai minimi, inefficacia al cross e disattenzione difensiva al massimo. Non si spiega altrimenti l’assoluto non curarsi della presenza di un attaccante avversario nell’occasione che porta al facile tap-in di Folorunsho

HELGASON 5,5

L’islandese è tra i più dinamici dello scialbo primo tempo giallorosso. Dinamismo, purtroppo, non affiancato da adeguate efficacia, incisività ed anche forza fisica che tanto avrebbe fatto comodo in gare del genere. Manca infatti proprio quando c’è da piazzare la zampata o anche solo il passaggio decisivo

HJULMAND 6

Regia a corrente alternata e non per colpa sua. O meglio sì, ci ha certamente abituato a ben altro in match che comunque vedevano un bel Lecce e la sua stella brillare nel mezzo. Se c’è chi passeggia per un’ora, però, andare oltre una decina di tackle importanti e qualche pallone smistato è difficile

BJORKENGREN 5,5

Corsa e generosità che stavolta non bastano affatto. Il palleggio non è di casa, né per lui né per gli altri. Soprattutto spreca i movimenti migliori risultando timido o impreciso negli ultimi 20 metri, come quando a pochi passo dalla porta nemmeno cerca il tiro in nome di un retropassaggio a centrocampo

STREFEZZA 6

Tanto per cambiare è suo l’unico tiro decente effettuato dal Lecce nel pomeriggio da incubo dei suoi. Difficilmente si era trovato di fronte avversari tanto agguerriti, e come i compagni probabilmente si aspettava non sarebbe stato così. Le difficoltà e gli errori non mancano, ma anche un destro che non è stato 1-1 per nulla ed un paio di ottime incursioni

CODA 5

Il bomber manca in quella che, si spera, non sarà la partita decisiva (ma purtroppo ora non dipende più solo dal Lecce). Leggerino nella prima frazione, si trova poi a gettare alle ortiche un pallone dai connotati del tiro a porta vuota o poco più. Due tentativi su punizione vanificati, voglia e lotta più di altri ma precisione pressoché nulla

DI MARIANO 5

Anche lui è in formato brutta copia. Il suo primo tempo, fatto di zero dribbling provati ed una totale lontananza dal fulcro del gioco, è il manifesto della prova grigia del Lecce. Si accende in un’accelerazione poco prima di essere sostituito e questo non fa che aumentare i rimpianti

GALLO 5,5

La sterzata rispetto alla prova di Barreca è netta e probabilmente si assicura giù una maglia per Lecce-Pisa. Il resto, però, è tutto lì e la corsa trova una totale imprecisione al cross e al passaggio. Lo score del suo match registra una sola bella apertura per Strefezza

RODRIGUEZ 6

Pronti-via dopo l’ingresso sta subito per mettere in porta Coda, anche se forse nell’occasione sarebbe dovuto essere più egoista. Lo spagnolo non molla, sbaglia ma crea anche. Si lancia su una palla alta scodellata da Asencio e la appoggia a Coda che doveva solo spaccare la rete, e invece manda al lato

ASENCIO 5,5

Dentro perché ad un certo punto era necessario cercare di creare un po’ di scompiglio in un match che è stato anticalcio dal primo all’ultimo minuto. Un cross da cui stava per nascere qualcosa di buono e nulla più

GARGIULO 5,5

Pochi minuti per incidere ed infatti non lascia alcun segno

RAGUSA 5,5

Non il miglior elemento per sostituire uno come Strefezza ed i risultati, nonostante un paio di buoni movimenti, si vedono

BARONI 4,5

Non vogliamo credere che non si aspettasse una gara del genere, giocata su un terreno da gioco di Serie D contro una squadra votata al non gioco ed assetata di sgambetti. Dunque, visto che non vogliamo credere all’effetto-sorpresa di una squadra che alcuni (speriamo solo superficiali tifosi) davano in vacanza, è più logico pensare ad una gara impostata malissimo e gestita peggio. Che un Lecce oggettivamente imbattibile sia caduto proprio sul più bello fa male, malissimo, ma questa sfida costituisce un buon decalogo di tutto ciò che non si dovrebbe fare se non si vuole prendere una promozione e gettarla definitivamente nel cestino

REGGINA:

Turati 6 Loiacono 6,5 Cionek 7 Amione 6 Lombardi 6,5 Bianchi 6,5 Crisetig 6,5 Kupisz 6,5 Di Chiara 6,5 Rivas 6 Folorunsho 7 Adjapong 6 Montalto 6 Ejjaky sv Giraudo sv All. Stellone 6,5

52 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
52 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Carletto uno di noi... Xsempre"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Ai tempi di Lorusso e Pezzella il Lecce partiva sempre con grandi ambizioni, finalmente arrivò Renna che, in un certo qual modo, ha dato il via al..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Esagerato,ha condizionato la partita.Spero perdano domenica e retrocedano"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Sei l'orgoglio di LECCE e del SALENTO intero! Come Calciatore e come Uomo! GRAZIE CHECCO, da SEMPRE UNO di NOI!"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Vucinic una "punta di diamante" la definizione corretta ."
Advertisement

Altro da Le pagelle di Calciolecce