Resta in contatto

Approfondimenti

Da Udine a Salerno: dopo due anni e due mesi il Lecce torna a vincere in Serie A

L’ultima volta fu un’illusoria vittoria inutile ai fini della corsa salvezza. Stavola è solo l’inizio di un percorso lungo, difficile e tutto da scrivere.

E’ di nuovo vittoria in Serie A, 779 giorni dopo. Tanti ne sono passati da quando, il 29 luglio del 2020, il Lecce espugnava Udine nella penultima giornata del suo più recente campionato di A prima di quello in corso. Un 1-2 in rimonta firmato Mancosu e Lapadula che valse tre punti rosicchiati al Genoa e l’illusione di una salvezza svanita causa partitella che i liguri si trovarono a giocare con l’Hellas Verona nell’ultimo atto.

Il passato è passato, il futuro è tutto da scrivere e stavolta i tre punti di Salerno non saranno (si spera, ovviamente) l’ultimo acuto di un torneo pressoché compromesso, ma l’inizio di una storia lunga e faticosa. Giusto esultare per un successo che, solo sfiorato nelle precedenti uscite, sa di liberazione. Guai a non considerare l’1-2 dell’Arechi un bel punto di partenza su cui metterci solo lavoro, con umiltà e consapevolezza, ma non convinzione eccessiva che possa sfociare un qualche peccato di presunzione di sorta. Il cammino che attende i salentini era e resta in salita, con le speranza che sia costellato di tante altre gioie del genere.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Approfondimenti