Calcio Lecce
Sito appartenente al Network

Primavera: in casa Atalanta altro grande avvio, rimonta e pirotecnico pari finale

Dopo la vittoria in casa contro il Bologna, la squadra di Coppitelli pareggia 3-3 in casa dell'Atalanta a seguito di una partita piena di cambiamenti di fronte

Match entusiasmante ad Alzano Lombardo. Il Lecce dimostra i segnali di crescita e un’identità ben precisa e conquista un punto sul campo dell’Atalanta dopo aver chiuso il primo tempo in doppio vantaggio grazie ad un inizio sprint seguito dalle parate di Alexandru Borbei. Nella ripresa, è salito in cattedra Vanja Vlahovic, ariete della formazione orobica.

Il Lecce inizia a mille, portandosi sul 2-0 già dopo 8 minuti. Al 2′, McJannet ribadisce in rete una respinta del portiere dell’Atalanta su cross dalla sinistra. Passano sei minuti e McJannet serve l’assist per Agrimi, destro all’angolino basso. L’Atalanta entra in campo dopo il ventesimo minuto con i sussulti di Colombo (tiro dal limite murato) e Vavassori, sul cui cross la difesa giallorossa pasticcia un po’. Più intensità atalantina al 36′ (dopo un diagonale fuori di Burnete): Borbei compie due miracoli in successione su Vlahovic dal limite e su Obric di testa dal conseguente corner. Il portiere romeno conferma il suo valore e si ripete tre minuti dopo sul sinistro al volo di Bonanomi. Il Lecce chiude il primo tempo sul 2-0

L’allenatore di casa Bosi cambia pelle ai suoi con tre cambi, ma l’Atalanta rischia di capitolare in apertura di ripresa. Comi al 48′ sbarra la strada a Burnete e al 53′, su fallo dello stesso Comi, Vulturar stampa il palo con una bomba su punizione. L’Atalanta, più propositiva, coglie i frutti con un formidabile uno-due in quattro minuti. Al 55′, Vlahovic trasforma un calcio di rigore e, tre minuti dopo, situazione fotocopia. Altra massima punizione concessa dal direttore di gara e altro gol del bomber serbo dell’Atalanta Primavera. 2-2 e storia della partita ribaltata. Il team di Coppitelli non si perde d’animo e al 64′ McJannet arriva al gol, annullato per fuorigioco. I giallorossi ritornano in palla e al 71′ beneficiano del terzo rigore di giornata. Pardel in uscita fa fallo e Burnete insacca dal dischetto con una sassata centrale. Il 3-2 del Lecce dura solo 7 minuti. Vlahovic è in giornata di grazia e al 78′ realizza il dodicesimo gol in campionato suggellando la tripletta su cross di Capac. L’Atalanta rischia addirittura il sorpasso all’80’: tunnel con elastico di Capac e Borbei mette una pezza di Bonanomi. I padroni di casa spingono nel finale, mentre il Lecce resta in dieci per un rosso diretto di Minerva sull’imprendibile Capac. Burnete scuote i suoi all’88’ con un tiro respinto da Pardel, ma è il solito Vlahovic a mettere paura ai salentini. Colpo di testa in avvitamento su corner e palo che nega il poker. Il match, spettacolare, termina con un pareggio.

Il tabellino

Atalanta-Lecce 3-3

Atalanta: Pardel; Obric (46′ Tornaghi); Simonetto (46′ Castiello); Comi; Manzoni; Vlahovic; Vavassori; Chiggiato (46′ Cassa) (76′ Capac); Guerini; Bonanomi; Colombo. A disp.: Armstrong; Fiogbe; Jonsson; Capac; Gariani. All.: Giovanni Bosi.

Lecce: Borbei; Samek (90′ Gromek); McJannet; Vulturar; Burnete; Pacia; Agrimi (82′ Adewale); Davis; Corfitzen; Minerva; Kongslev (60′ Munoz). A disp.: Leone; Herceg; Lukoki; Borgo; Zivanovic; Helm; Jemo; Vescar-Kodor. All.: Federico Coppitelli

Marcatori: 2’pt McJannet (L), 8’pt Agrimi (L), 55′ rig, 58’rig. Vlahovic (A), 71’rig.Burnete (L), 78’Vlahovic (A)

Ammoniti: McJannet (L), Bonanomi (A), Obric (A), Agrimi (L), Pardel (A)

Espulsi: Minerva (L)

Arbitro: Sig. Cristiano Ursini della sez. di Pescara

 

Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ma i campioncini di Corvino?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ma come siamo messi in classifica ,,,chiedo per un amico

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Quest’anno, spiace dirlo, ma con i giovani un flop totale dopo il trionfo dell’anno scorso. Per fare qualche punto hanno dovuto richiamare la squadra dell’anno scorso a parte la difesa, che infatti e’ un colabrodo. E sai che motivazione per Burnete & co illuderli di essere in prima squadra e poi ritrovarsi a giocare per la salvezza in primavera che 6 mesi prima hanno vinto ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Peccato si poteva vincere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ancora un piccolo aggiustamento…

Lupo Alberto
Lupo Alberto
2 mesi fa

Peccato x la mancata vittoria, ma ci siamo. Forza 💪💘 Lecce

Mario Marini
Mario Marini
2 mesi fa
Reply to  Lupo Alberto

Che fine ha fatto Burnete? Era un fenomeno con i ragazzini di 16-17 anni ma, a livello senior NON è maturo per la serie A…andava girato in prestito in B se non in C…..Andrea Raimondo classe 2004 del Bologna in prestito alla Ternana in serie B ha giocato 7 partite segnando 3 gol…segno di una maturazione più graduale e sensata

Last edited 2 mesi fa by Mario Marini
Direttore1982
Direttore1982
2 mesi fa
Reply to  Mario Marini

Sono dell avviso che tutti i 2003 e 2004 dovevano giocare tutti in prestito.. in C o D… in Primavera i 2005 e 2006… l anno scorso dovevano investire molto sull under 17 e 18 .. perché avrebbe garantito un futuro anche per quest anno…

Articoli correlati

Per l'undici di Coppitelli un punto che muove la classifica ma che lascia qualche amaro...
Le dichiarazioni del tecnico del Lecce Federico Coppitelli alla vigilia del match sul campo dell'Empoli...
Oltre alla partita della primavera in Toscana, il weekend (lungo) delle formazioni giovanili dell’US Lecce...

Dal Network

I campani restano al palo anche nella partita casalinga contro il Monza. Parole senza filtri...
Il difensore dell’Hellas ha parlato della complessa sfida di venerdì contro il Bologna, ma anche...
Il difensore leccese, condottiero della difesa degli azzurri toscani, ha parlato a Radio Serie A...
Calcio Lecce