Resta in contatto

News

Falli di mano, rigori e barriere: le nuove regole del calcio

Entra in vigore il nuovo regolamento del calcio, ma l’applicazione si dividerà tra competizioni FIFA (subito) e UEFA (dalla prossima stagione)

Il calcio cambia, ma non vi spaventate. La 133° riunione dell’International Board della FIFA ha delineato delle nuove norme, da oggi recepite. L’applicazione avrà però momenti distinti. Le novità per ora coinvolgono le competizioni FIFA. Quindi, mentre il Mondiale Under 20 in Polonia si sta giocando con le nuove regole, non sarà lo stesso per la finale di Champions League Tottenham-Liverpool in programma questa sera a Madrid.

I tornei sotto l’egida UEFA, infatti, acquisiranno le norme solo il 25 giugno, quando partiranno i preliminari della Champions 2019/2020. Ma scopriamo le novità, ispirate comunque al principio di buon senso e sportività.

RINVII. Nelle ripartenze dal fondo, il difensore può stare in area, ma, una volta toccato il pallone, l’attaccante avversario può entrare in azione.

ERRORI. Il portiere che svirgolasse il pallone ricevendo un retropassaggio può recuperare la sfera senza provocare una punizione indiretta.

SOSTITUZIONI. Per evitare inutili e dannose perdite di tempo, si consente ai calciatori sostituiti di uscire dal campo nella zona in cui si tovano al momento del cambio.

GIALLI IN PANCHINA. Da oggi, gli allenatori possono ricevere dei cartellini gialli, come i calciatori. Al pari, vale anche il conteggio dei gialli con conseguente diffida e squalifica.

BARRIERE. Gli attaccanti non possono più disturbare la barriera posizionata dal portiere. I compagni di chi calcia possono stare davanti, dietro o ai lati, ma almeno a un metro di distanza.

RIGORI. I portieri potranno avanzare con un piede in attesa dei calci di rigore. Attenzione: la VAR vigilerà sul posizionamento dell’altro, ben piantato sulla linea.

PALLA A DUE. Non ci sarà più. L’arbitro scodellerà il pallone verso la squadra che dovrà giocarla.

TOCCO VINCENTE DELL’ARBITRO. Se il fischietto provoca un assist, un gol o un break a favore dell’altra squadra il gioco si ferma il pallone sarà restituito.

FALLI DI MANO E GOL. Le reti realizzate con “mani” involontario sono sempre annullate, anche se fosse un rimpallo.

MANI DIFENSIVE. I criteri per valutare un tocco di mano difensivo sono questi. Volontarietà in prima istanza: tocco sempre punito. L’involontarietà, poi, va punita se il braccio è in linea o sopra le spalle. L’eccezione si ha solo quando il rimpallo colpisce l’autore del tiro.

ESEMPIO SCIVOLATA. La Gazzetta dello Sport delinea un “caso di studio”. Se si tocca la palla con il braccio in appoggio attaccato al corpo non è fallo; se è lontano o se si tocca con l’altro braccio, è fallo.

VANTAGGI. La squadra che subisce un fallo meritevole di cartellino ha facoltà di riprendere subito il gioco. La sanzione all’autore del fallo arriverà poi al termine dell’azione.

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."
Advertisement

Altro da News