Resta in contatto

Approfondimenti

Liverani e il diktat sul mercato: altri quattro innesti per un Lecce da salvezza

La situazione delle trattative giallorosse dopo la prima tranche di acquisti pre-ritiro. Un giocatore per reparto e un jolly offensivo, poi sarà rosa completa.

Con la squadra in ritiro, dopo due mesi di tanto parlare il rettangolo verde torna finalmente protagonista. Non assoluto, anzi. Perché siamo pur sempre in periodo di mercato ed alla luce di ciò un’uscita di scena delle trattative o presunte tali dalle prime pagine della stampa è impossibile. Anche in casa Lecce, dunque, si lavora in parallelo: da una parte Liverani e la squadra, dall’altra (ma sempre in costante contatto) Meluso&Co a muoversi nei meandri del calciomercato.

Proprio dalla bocca di Liverani, il giorno stesso della partenza alla volta di Santa Cristina, è giunta la principale indicazione circa quello che sarà il futuro prossimo del mercato giallorosso. “Ci servono quattro pedine”, ha affermato il tecnico. Un numero che va ad implementare quello inizialmente reso pubblico dal presidente Sticchi Damiani. Un numero comunque in linea con ciò che mancherebbe alla rosa del Lecce per considerarsi completa e pronta giocarsela alla pari con le dirette concorrenti.

La porta è l’unico reparto al momento al completo. In teoria potrebbe esserlo anche la difesa, forte di due elementi per ruolo. Solo da un punto di vista numerico, però, poiché è risaputo che i giallorossi sono alla ricerca di un giovane centrale da affiancare a Rossettini, Lucioni e Meccariello, con Riccardi più defilato. Sfumato Rogel, con Ersoy bloccato da Yilmaz, in cima alla lista resta Magnani, il quale non sta lavorando con il Sassuolo. L’ex Perugia è il favorito, ma i giallorossi non hanno alcuna fretta e vogliono investire oculatamente in chiave futura.

In mezzo i giochi erano dati per fatti, ma in effetti si sta cercando un elemento che dia alternative a Liverani. Il profilo dovrebbe essere quello di un mediano muscolare con una giusta esperienza in Serie A. Si è parlato a lungo di Acquah e Chibsah, che sembrano saltati. Nagy è il nome nuovo, e potrebbe corrispondere meglio al prototipo di mediano gradito a Liverani.

Sull’attacco, la linea del club è già nota: una punta di peso e che garantisce gol, e un jolly tecnico capace anche di muoversi tra le linee. Gli obiettivi primari in tal senso restano Yilmaz e Ciano, ma il Lecce tiene al vaglio, giustamente, anche delle alternative. Per Meluso non sarà facile raggiungere tutti gli obiettivi prefissati. Ma il ds ha già dimostrato di sapere bene ciò di cui il Lecce, e Liverani, hanno bisogno per poter far bene anche in Serie A.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un calciatore esemplare, un campione che avrebbe meritato di più. Purtroppo come regista nella sua Argentina c'era un certo Diego Maradona... ma..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti