Resta in contatto

News

Bleve-Chironi, dura la vita da…probabile terzo?

I due portieri, in ritiro agli ordini di Liverani e Sassanelli, si allenano in attesa di lumi sul proprio futuro. In ogni caso, è vuota la scomoda maglia da terzo dietro al duo Gabriel-Vigorito.

Marco Bleve e Gianmarco Chironi, due portieri, due leccesi, due atleti intenti a lavorare sodo con la maglia del proprio cuore in quel di Santa Cristina. Oscurati dalla sfida per la titolarità tra Mauro Vigorito e il neoarrivato Gabriel Vasconcelos, sono destinati a ricoprire il ruolo di terzo guardiano dei pali.

MELUSO. Il d.s. nell’intervista resa lunedì al Nuovo Quotidiano di Lecce, ha paventato un’ipotesi per il futuro. “Quattro portieri in A possono starci”, ha dichiarato l’ex Cosenza riferendosi a Bleve e Chironi, reduci rispettivamente da un’annata da secondo di Vigorito e dal prestito in C alla Virtus Verona. Le parole, comunque, rappresentano una supposizione che potrebbe essere spazzata via nel mese di agosto, quando il calciomercato premerà il piede sull’acceleratore. Fatto sta che il Lecce, dietro Gabriel e Vigorito, ha bisogno di una figura di sufficiente affidabilità.

UNICI LECCESI. Con la partenza di Checco Lepore, trasferitosi a Monza nello scorso gennaio, Bleve (23 anni) e Chironi (22) sono gli unici salentini della prima squadra. E non è detto che rimangano entrambi. Gianmarco Chironi, in un colloquio ai taccuini della Gazzetta del Mezzogiorno, aveva fatto presente il suo desiderio di continuare a giocare per crescere dopo la Lega Pro. Il mercato di C prenderà il volo nel mese di agosto e, probabilmente, qualcuno busserà alla porta. A Verona, Chiro ha ritrovato quella continuità avuta solo a Nardò in Serie D.

BLEVE. Diverso è il discorso di Marco Bleve. La stagione passata, con 5 presenze, resterà ne libro dei ricordi, ovviamente, per la promozione in A, ma anche per una parata importante in Lecce-Carpi 4-1. I giallorossi, in un primo tempo non lucidissimo, furono salvati dal grande intervento di piede del ragazzo delle Casermette a negare l’inaspettato vantaggio carpigiano. In più, anche un intervento difficile su Simy allo Scida di Crotone, quando i padroni di casa tentavano un forcing disperato per completare la rimonta. Il futuro è da vedere…

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News