Resta in contatto

News

Sei gol al St. Georgen, il Lecce c’è. La Mantia-Lapadula ancora sugli scudi

Giallorossi in gran spolvero contro la formazione altoatesina militante in Serie D. Una doppietta a testa per i due bomber.

Buona la seconda per il Lecce. I ragazzi di mister Fabio Liverani nell’amichevole numero due della propria stagione hanno superato per 6-0 la formazione locale del St. Georgen. Una gara ben giocata da Lucioni e compagni, che hanno dimostrato netti miglioramenti rispetto al test match di sabato scorso nonostante l’avversario sia stato di caratura maggiore.

Nel primo tempo i giallorossi sono scesi in campo con il classico 4-3-1-2 con Gabriel tra i pali, Meccariello, Rossettini, Lucioni e Calderoni in difesa, Tabanelli, Tachtsidis e Petriccione in mezzo e Haye dietro la coppia Lapadula-La Mantia. Ad inizio match i salentini ci provano subito con i due attaccanti a dir poco scatenati. A sbloccarla è, al ventesimo, l’ariete di Marino, che incorna di testa il cross al bacio di Petriccione sbloccando il match.

Passano appena cinque minuti ed ecco il bis giallorosso. Protagonista ancora La Mantia, anche se il suo diagonale mancino al termine di una straordinaria azione sul settore mancino del Lecce è deviata in porta in modo decisivo da un tifensore altoatesino. Dopo il raddoppio il Lecce cala il ritmo, pur rimanendo in controllo assoluto del match. Ed il fluido possesso palla giallorosso è premiato a due dall’intervallo. Manco a dirlo, ad andare a segno è ancora Andrea La Mantia, che di prima intenzione scarica sul palo lontano siglando la personale doppietta.

Dopo la pausa dentro Vera per Calderoni sulla sinistra e Riccardi per Meccariello. A cavallo del quarto d’ora girandola di cambi e dentro Vigorito, Radicchio, nuovamente Meccariello (stavolta da centrale), Majer, Pierno, Dubickas e Felici. Resta dentro per tutto il match il solo Petriccione, con Lapadula che verrà sostituito da Quarta al 32′. Non prima di aver messo a segno due reti in due minuti, in una ripresa dai ritmi più bassi.

Al 27′ l’ex Genoa insacca dal limite, mentre un minuto dopo lo stesso attaccante sfrutta un inserimento impeccabile per appoggiare in rete da due passi. A chiudere il match sul finale 6-0 è invece Quarta a dieci dal novantesimo. Il baby giallorosso sfrutta un tap-in rendendolo vincente al termine di una bella azione corale. L’ennesima di una prova molto positiva da parte dei giallorossi.

Da segnalare, infine, le assenze dell’infortunato Mancosu e degli acciaccati Dumancic, Falco, Shakhov e Benzar. Prossimo appuntamento per il Lecce giovedì prossimo, sempre alle 17.30 e sempre al Mulin da Coi di Santa Cristina, contro la Virtus Bolzano.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."
Advertisement

Altro da News