Resta in contatto

Approfondimenti

Mancosu e Shakhov ok con l’Inter. Liverani ora ci pensa

Reduci da un lungo lavoro differenziato, il sardo e l’ucraino sono ora a piena disposizione del tecnico, sebbene non al top della forma. Il tecnico valuta le opzioni tattiche.

Tra le buone notizie della settimana che precede la prima di campionato, in casa Lecce c’è sicuramente il recupero di Marco Mancosu e Yevhen Shakhov. Due potenziali titolari, due elementi di qualità e soprattutto due soluzioni tattiche importanti nello scacchiere di Fabio Liverani.

Il sardo e l’ucraino sono infatti, assieme al giovane Lo Faso, gli unici trequartisti puri (o quasi, nel caso dell’ex Paok) a disposizione del tecnico romano. Elementi imprescindibili, di conseguenza, in caso di volontà di continuare sulla strada del 4-3-1-2 marchio di fabbrica. Senza di loro questa strada è infatti più difficilmente percorribile e lo si è visto con la Salernitana, quando la squadra è stata schierata con un modulo molto più simile ad un 4-3-3. Una scelta che sarebbe forse troppo spregiudicata in chiave Serie A, soprattutto con le big.

E con una big i giallorossi dovranno vedersela lunedì sera, quando saranno di scena a San Siro.  In ottica Meazza Liverani sta cercando di proporre una squadra sì in grado di proporre il solito gioco frizzante e di personalità, ma sa benissimo che l’equilibrio sarà fondamentale. E’ per questo che l’utilizzo tra le linee di uno tra Mancosu e Shakhov è molto più che un’idea. Un trequartista tecnico ma in grado di fare da collante tra centrocampo e attacco potrebbe essere fondamentale sia per infastidire la regia di Brozovic che per trovare spazi in una mediana a tre come quella nerazzurra.

Un’idea, appunto, non certo una scelta scontata. Questo perché nelle ore che precederanno la trasferta lombarda mister Liverani valuterà in particolar modo la condizione di due calciatori che in ritiro e nel precampionato hanno lavorato quasi zero con i compagni. Solo se uno tra Shakhov e Mancosu darà garanzie fisico-atletiche il Lecce potrà schierarsi, nella Scala del calcio, con il suo classico 4-3-1-2. 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Approfondimenti