Resta in contatto

News

Sky – Emozioni Sticchi Damiani: “Se tifi Lecce, tifi Lecce e basta. Chi rimane nel Salento”

La televisione satellitare ha confezionato un servizio da brividi dove, tra le vie del centro storico e il Via del Mare, il presidente dell’U.S. Lecce parla a cuore aperto della sua creatura sportiva e della sua terra, concetti inevitabilmente intrecciati.

A 48 ore da Lecce-Verona, Sky Sport ha intervistato il presidente dell’U.S. Lecce Saverio Sticchi Damiani e ha realizzato uno speciale video ritratto del momento in casa giallorossa con le parole del suo dirigente numero uno.

Passeggiando per gli angoli di Piazza Sant’Oronzo, Sticchi ha descritto così le sensazioni vissute pensando alla propria città: Amo sentire il profumo di questa città. Profuma di sole, energie positive, vita. Lecce è la mia casa, il posto dove sono cresciuto, dove vive la mia famiglia. Quindi è tutto, un pezzo enorme del mio cuore”.

E poi, accarezzando una maglia giallorossa in mano, si è parlato del legame tra il territorio salentino e il Lecce, secondo il docente leccese humus per il successo della campagna abbonamenti: Siamo legatissimi alle nostre radici. Il Lecce è la squadra del territorio, del Salento. Siamo riusciti a fare 20000 abbonati pur non essendo una piazza enorme perché spingiamo sul fattore dell’identità. Se tifi Lecce tifi Lecce e basta. Nella maglia giallorossa ci sono tante cose: i nostri colori, il nostro marchio M908 da noi creato. La maglia pesa tanto e mi suscita tanti emozioni”.

Si è proseguito con un richiamo emozionante che esula dal calcio: “Il Salento è una terra abituata a soffrire. Chi rimane qui si mette in discussione di più ancor di più di chi va altrove. Riuscire a realizzarsi qui può essere complicato. Non ci sono tante opportunità, ma chi decide di intraprendere percorsi complicati può avere egualmente grandi soddisfazioni”

Le immagini, spostate sul rettangolo verde del Via del Mare, hanno introdotto l’argomento strettamente calcistico. Sticchi Damiani ha svelato uno speciale sogno (e non si parla di mercato): “Il mio sogno sportivo è salvarci e magari avere la soddisfazione di vedere un ragazzo del nostro settore giovanile, magari leccese, salentino, esordire in Serie A e magari fare un gol”.  

Gli auspici sono anche a lungo raggio: “Spero che un domani quando tutto questo sarà finito la gente si ricordi dell’impegno spassionato messo da parte mia e degli altri soci. Un impegno puro per dare una mano attraverso il calcio a questa terra”

La battuta finale non poteva non essere su Lecce-Verona, match dove l’ambiente, secondo il presidente giallorosso, sarà fondamentale: “Penso a un Via del Mare esaurito, il clima sarà incandescente sugli spalti e nell’aria. La partita è già complicata contro una concorrente diretta e lo stadio deve trascinarci. Per salvarci dobbiamo sfruttare il calore, anche d’inverno, del Via del Mare”. 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Sei stato un grande. E che dire di quelle punizioni di collo esterno. Magiche"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima di scrivere di sor Carletto dovevate sentire lui e stato citato tutto ma le sue vere origini. Fu scoperto da Costantino Rozzi e le vere gesta la..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Il talento più puro che abbia indossato la maglia giallorossa..."
Advertisement

Altro da News