Resta in contatto

News

L’ex di turno, il gelido Tachtsidis

Quella contro il Verona sarà una gara particolare per Panagiotis Tachtsidis, che ha vestito la maglia gialloblu degli scaligeri nella stagione 2011/12 dopo appena 8 partite in Italia con il Grosseto.

Ha un record nella storia del club veneto: è stato il primo giocatore ellenico della sua storia. Quando arrivò però non era uno sconosciuto, ma nessuno si attendeva un’esplosione di quello che però in quel periodo era da tutti additato come un enfant prodige del calcio greco. Nel corso di quella esperienza trovò un tecnico che, come Liverani, gli diede grande fiducia fin dal primo momento, infatti con Mandorlini è migliorato strada facendo. Un campionato quello 11/12 che si concluse con la promozione in Serie A della squadra e con “Taxi” che divenne il pezzo grosso del successivo mercato, in cui passo alla Roma di Zeman.

PARTE SECONDA. Quella tra Verona e Tachtsidis però è una storia che riprende qualche anno dopo: il greco veste le maglie di Catania e Torino senza mai convincere. Nel 2014 decise di tornare nella sua confort zone a Verona dove però vive una stagione complicata come quella della squadra. Per lui con la maglia giallo blu le presenze a referto sono 71 arricchite da 5 reti tra Serie A e B. Sicuramente un giocatore importante che in tanti ricordano con grade affetto.

FREDDEZZA GRECA. Lui però sembra essere gelido quando entra in campo, a Lecce hanno imparato conoscerlo per il suo temperamento e un modo di fare che fa impazzire i tifosi della maglia che indossa, ma è anche un giocatore che dimostra freddezza. Infatti in occasione dei gol segnati alle sue ex squadre, è già accaduto ai tempi del Genoa quando mise a segno il gol vittoria della formazione ligure contro i capitolini, non ebbe problemi ad accogliere gli abbracci dei suoi compagni di squadra e alzare le braccia al cielo in segno di gioia. Con il Lecce, da quando è arrivato, non ha ancora provato l’ebrezza di gonfiare la rete avversaria, sarebbe un curioso segno del destino quello che si potrebbe verificare questa sera al Via del Mare, ancora contro una ex squadra, nell’occasione quella che più di tutte, fino ad oggi ha caratterizzato il suo percorso nel nostro campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News