Resta in contatto

News

La Serie A scopre il Liverani-pensiero: cercare la salvezza giocando e stop barricate

La vittoria di Torino ha sorpreso addetti ai lavori e tifosi estranei all’ambiente giallorosso più per l’atteggiamento dell’undici giallorosso che per il risultato.

Dopo il buon approccio avuto alla prima di San Siro, vanificato tuttavia dal pesante passivo finale, il Lecce ha dovuto espugnare il campo dell’ex capolista Torino per prendersi la meritata scena. Il tutto tra virgolette, com’è ovvio per una neopromossa, ma la prestazione in terra piemontese di Falco e compagni ha attirato l’attenzione di molti. A sorprendere è stato sì il punteggio finale, ma in primis lo spartito scritto da Liverani: cercare punti con il gioco, senza speculare sul risultato.

Per chi gravita costantemente intorno all’orbita giallorossa questa non è certo una novità, e noi stessi ve ne avevamo approfonditamente parlato quasi quattro mesi fa. Di questa frontiera, magari non rivoluzionaria ma quantomeno rara a vedersi, delle neopromosse votate al bel gioco, quest’oggi se ne è invece occupata La Gazzetta dello Sport.

Sul quotidiano sportivo nazionale viene posto l’accento sulla mentalità conferita al Lecce da parte di mister Liverani. Cercare il gol e al contempo difendersi in un modo che certamente non ha nulla di illogico: tenendo la palla più possibile lontana dalla propria area di rigore. Il tutto testimoniato dal tridente iniziale visto a Torino e soprattutto dai cambi, con l’inserimento di una punta (Babacar), un trequartista (Mancosu) e un altro centrocampista offensivo (Shakhov) in un momento clou del match, con i granata a spingere.

Un atteggiamento certamente rischioso, vedi il poker subito in casa dell’Inter. O vedi anche il contropiede due contro tre subito a Torino, nonostante i giallorossi fossero avanti per 1-2. Oltre a divertire il pubblico, l’approccio tattico di Liverani ha tuttavia dimostrato di sapere essere anche efficace e vincente. Che sia questa, in un’era di forbice di differenza tecnica mai così ampia tra grandi e piccole, l’unica via per la salvezza? Il Lecce ce lo dirà nel corso di questa stagione.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News