Resta in contatto

News

Milan, compattezza del gruppo e rinascita dei big le priorità di Pioli

I rossoneri hanno sfruttato la pausa per conoscere meglio il nuovo allenatore, al netto delle tante assenze per le Nazionali.

Cantiere Milan è il titolo più giusto per descrivere la situazione in casa rossonera. I prossimi avversari del Lecce sono infatti alle prese con un nuovo punto di partenza della stagione già ad ottobre, come dalle parti di Milanello non era mai accaduto.

A giocare a favore, seppur solo parzialmente, del neo arrivato Stefano Pioli c’è stata la pausa delle Nazionali, la quale ha consentito al tecnico ex Fiorentina di ambientarsi dalle parti del capoluogo lombardo. Non del tutto, appunto, perché in realtà nel corso degli allenamenti di questi dieci giorni ha dovuto rinunciare a ben dodici nazionali, rientranti solo oggi.

Si può dunque affermare che oggi sarà il giorno dello start ufficiale della missione-Lecce. Il primo obiettivo dichiarato del tecnico è ritrovare entusiasmo e compattezza attraverso l’unione del gruppo. E’ sulla ricerca delle basi dello spirito di squadra che Pioli cercherà dunque di arrivare nel miglior modo possibile alla sfida di domenica sera.

Il secondo step, più incentrato sull’aspetto tecnico, sarà poi far rinascere, o meglio riscoprire, le qualità dei singoli. In particolare di Piatek, Suso, Paquetà e Kessiè, le cui prestazioni di inizio stagione sono state a dir poco sottotono. Per vedere un Milan scintillante dal punto di vista del gioco, appare invece improbabile che possa bastare attendere la sfida al Lecce.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News