Resta in contatto

Pagelle

Le pagelle del Lecce: dove passa Lapa-gol non cresce più l’erba. Calderoni, che incubo!

Lazio-Lecce, le pagelle giallorosse: difesa disastrosa, Petriccione sontuoso. E Babacar smetta di calciare i rigori.

Gabriel 6 – La Lazio bombarda il Lecce di tiri, e un portiere in certe occasioni può veramente poco. Resiste per come può risponde presente soprattutto su Correa e Luis Alberto, poi si arrende quando non può nulla. Forse solo sul bis dell’argentino poteva chiudere meglio

Meccariello 5,5 – Sicuramente meglio di chi, sull’altra fascia, le combina di tutti i colori. Ciò non rende comunque sufficiente la sua prestazione, perché se su Lulic tiene bene non si può dire lo stesso sullo scatenato Correa. inesistente in fase offensiva, ma questo lo sa anche Liverani quando lo sceglie per la fascia

dall’85’ Rispoli sv

Lucioni 5 – Crolla, non da subito ma quasi, assieme a tutta la difesa salentina, quest’oggi per lunghi tratti inguardabile. Prova a fare il possibile nell’uno contro uno, ma soprattutto con Correa va continuamente in crisi. Per sua fortuna nel finale i biancocelesti tirano i remi in barca

Rossettini 5,5 – Meglio di Lucioni, ma quest’oggi non è poi impresa così colossale. Non riesce comunque a opporsi come avrebbe dovuto sul vantaggio di Correa e sul bis di Milinkovic: in entrambi i casi poteva intercettare il passaggio. Alza il voto con l’assist di testa per il momentaneo pari

Calderoni 4 – Pomeriggio da incubo all’Olimpico per il terzino. Dopo aver fatto benissimo con Milan, Atalanta e Juventus, il mancino si scioglie con la Lazio. Annientato da Lazzari, ha colpe sui primi tre gol biancocelesti. Non chiude su Correa, apre la strada a Milinkovic e causa il rigore del tris. Peggio di così non si può

Majer 5,5 – La solita grinta, la solita verve, la solita voglia di buttarsi su ogni palla. E poco più, soprattutto dal punto di vista tecnico. Quando sbaglia l’ennesimo pallone in uscita, Liverani lo cambia

dal 70′ Shakhov 6 – Un tiro e qualche guizzo utile in un finale in cui il Lecce crea tantissimo

Tachtsidis 5,5 – Sfiora due volte il gol con bordate da fuori e fa girare benissimo la palla. In fase difensiva è però nullo o quasi, perché la difesa è completamente in balia della Lazio. E Luis Alberto ci va a nozze

Petriccione 6,5 – Non è che, come i colleghi di reparto, brilli particolarmente in fase di copertura. Ma da quella parte Milinkovic la prende poche volte, e sopratutto palla al piede non sbaglia mai. L’arcobaleno per il gol di La Mantia è poesia

Mancosu 6 – Gara sull’altalena. Parte a mille e crea palle gol in quantità industriale, ma ne fallisce anche una che è di fatto un rigore in movimento. Il suo secondo tempo, fatto di accelerazioni e filtranti, è sontuoso. E si procura anche un penalty che avrebbe dovuto battere

Lapadula 7,5 – Come con Samp e Sassuolo, praticamente devastante. Pronti-via manda in porta prima Babacar e poi Mancosu, poco dopo segna da rapace il bis e nella ripresa è ancora uragano. Strepitosa la spaccata-gol che l’arbitro gli nega, come il cross per la testata-traversa di Babacar. Inarrestabile

Babacar 5 – Un’insufficienza contenuta, al fine di non essere troppo ingenerosi. E anche perché non gioca una pessima gara di per sé, con diverse sponde utili per Lapadula e un gran colpo di testa che Strakosha manda sulla traversa. Sul rigore però la combina grossa. Non deve tirare lui dagli undici metri

dal 72′ La Mantia 7 – Tocca due palloni, sempre di testa. Uno lo manda alla grande in gol, l’altro prende in pieno il palo

All. Liverani 6 – L’esatta media tra una prova offensiva da 8 pieno, e quella difensiva da 4 ad esser magnanimi. Questo Lecce è una bellezza e merita applausi a scena aperta, ma per la difesa deve fare assolutamente qualcosa perché così serviranno 3-4 centri a gara per poter vincere. Sorvolando, poi, sulla pantomima rigori

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Pagelle