Resta in contatto

News

GdM – Papadopulo: “Il Lecce non ha ancora vinto in casa. E’ giunto il momento di sfatare il tabù”

“Mercato? Qualcosa andrà fatto: il girone di ritorno è più duro di quello di andata e per i giallorossi non sarebbe male potere contare su qualche altro calciatore di esperienza”, ha affermato l’ex allenatore giallorosso.

Giuseppe Papadopulo, altro doppio ex sulla panchina di Lecce (2006-08) e Bologna (2009) parla a La Gazzetta del Mezzogiorno dei temi tattici dell’ultima gara dell’anno.

RICORDI.Nel 2006/2007, tra i cadetti, i felsinei furono nostri fieri rivali e ci precedettero di un punto, piazzandosi secondi ed approdando direttamente in A. I successivi spareggi con Pisa ed Albinoleffe, però, permisero anche a noi di fare festa e fu stupendo così. L’annata seguente, fui chiamato al capezzale dell’undici rossoblù a 7 turni dal termine, in una situazione delicatissima, ma centrammo la permanenza negli ultimi 90′. Una grande soddisfazione”.

DOMENICA LECCE-BOLOGNA.Sarà un match molto equilibrato. I felsinei, che sono reduci dal successo colto ai danni dell’Atalanta, stanno meglio sul piano mentale rispetto ai salentini, che vengono dalla brutta sberla subita a Brescia. Al contempo, però, i giallorossi hanno sin qui fatto bene e quando hanno steccato non lo hanno mai fatto per due incontri di fila. In casa, il Lecce non ha ancora vinto ed è giunto il momento di sfatare il tabù. Penso che abbia i mezzi per spuntarla, in quanto tra le due sfidanti è quella che ha maggiore necessità di imporsi ed in certi casi la “fame” conta parecchio. Sul piano dell’esperienza, il Bologna ne ha di più”.

LECCE DI OGGI.Lo giudico positivamente, salvo due eccezioni, a Brescia ed a Bergamo, ha dimostrato di essere all’altezza e ha espresso un buon calcio. I 15 punti sono un buon bottino, ma i salentini sono in credito con la fortuna, in quanto almeno in un paio di gare hanno pareggiato ed invece avrebbero meritato di vincere”.

MERCATO DI GENNAIO.Qualcosa andrà fatta. Il girone di ritorno è più duro di quello di andata e per i giallorossi non sarebbe male potere contare su qualche altro calciatore di esperienza. La maggior parte degli uomini che compongono l’organico o non ave- vano mai militato in A o avevano disputato solo poche gare. Puntellare taluni ruoli con elementi navigati, oltre che di buona caratura tecnica, aiuterebbe a raggiungere l’agognato traguardo-salvezza”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Credo che il calcio sia un viaggio senza tempo dove le bandiere i miti che personificano una squadra rimarranno nella memoria degli anziani che un..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Ricordi bellissimi grandissimo campione maradona lo voleva al napoli insieme a lui ma avevano tanti giocatori in quel ruolo perciò immaginate un..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un mito per questi colori, sarebbe bello che attorno al via del mare si costituisse un percorso delle stelle per dare un tributo a tutti queste grande..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Ole olè"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News