Resta in contatto

Rubriche

Accadde oggi – Trentuno anni fa la punizione “divina” di Barbas che mandò ko il Genoa

Una bomba del regista argentino rimbalzata sulla traversa e poi finita beffardamente in rete aprì il tabellino prima del bis di Benedetti.

La fine degli anni Ottanta rappresenta uno dei periodi più belli della storia del Lecce. Rispetto ai successi più recenti, la squadra giallorossa aveva ancora un alone di mistero, quasi sconosciuto, per la maggioranza dell’Italia sportiva. Erano gli anni della Serie A campionato più bello del mondo e dei giallorossi spinti dal calore, climatico e ambientale, del Via del Mare che pareva un’arena sudamericana.

Il campionato 1989/90 raccontò la seconda salvezza consecutiva della squadra allenata da Carletto Mazzone. I partenti Vanoli, Enzo e Baroni furono rimpiazzati da CarannanteFerri e Marino. Mentre il Napoli di Maradona conquistò il secondo scudetto, il Lecce chiuse al quattordicesimo posto, l’ultimo utile per rimanere in A con una lunghezza di vantaggio sull’Udinese.

Uno dei momenti più belli, forse secondo soltanto al derby vinto 1-0 sul Bari con gol di Vincze, fu proprio Lecce-Genoa 2-1, prima gara del girone di ritorno, e non soltanto per i due punti conquistati. Beto Barbas, leader tecnico insieme a Pedro Pablo Pasculli, regalò un ricordo indelebile con una delle sue “bombe”, che, nei commenti scomodarono… l’altissimo.

Nella gara precedente, infatti, il Lecce era rimasto a bocca asciutta con la Juventus anche a causa dei legni. Il compianto presidente Franco Iurlano, fervente credente, nella settimana precedente a Lecce-Genoa, portò la squadra a farsi benedire in una chiesetta di campagna. Gregori, il portiere rossoblù battuto, un po’ colpevole, parlò anche di malocchio nel leggere la traiettoria scagliata dall’argentino.

LA PARTITA. Pronti, via e Barbas fa esplodere il Via del Mare. Punizione dalla distanza che coglie in pieno la traversa e, rimbalzando sul terreno carica d’effetto, s’infila in porta. Quattro minuti dopo, il destro al volo di Benedetti batte ancora Gregori e regala il raddoppio al Lecce.

Sotto di due gol, il Genoa paga il colpo e non riesce a pungere dalle parti di Terraneo, nel primo tempo impegnato solo per un’uscita su Ruotolo. In apertura di ripresa, Marino manca di testa l’appuntamento col 3-0 (parata del portiere genoano) e poi Torrente dice no sulla linea a Benedetti.

Nel finale, il Genoa si rialza e, dopo due parate di Terraneo su Perdomo e Fontolan, lo stesso attaccante realizza di rapina il 2-1 definitivo a 2′ dalla fine.

Il tabellino

07/01/1990 – Lecce, stadio Via del Mare 18° giornata del Campionato di Serie A 1989/1990

Lecce-Genoa 2-1

Lecce: Terraneo, Garzya, Marino, Conte, Levanto, Carannante, Moriero, Barbas, Pasculli (75’Miggiano), Benedetti (56’Ferri), Vincze. Allenatore Carlo Mazzone

Genoa: Gregori, Torrente, Caricola, Collovati, Perdomo, Signorini, Eranio, Ruotolo, Fontolan, Ruben Paz (46’Fiorin), Urban. Allenatore Franco Scoglio.

Marcatori 9’Barbas (L), 14’Benedetti (L), 88’Fontolan (G)

Espulso Miggiano (L) all’89’

Arbitro Frigerio di Milano

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Fede
Fede
9 giorni fa

Beto Beto Beto….mina la bomba mina la bomba. Beto Beto Beto….mina la bomba mina la bomba

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Ero in tribuna est come sempre in quegli anni. Fu assurdo e bellissimo

Advertisement

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Con la maglia giallo-rossa fece impazzire un certo Cabrini (LECCE 2 JUVE 0 con gol suo) Kekko ha i colori giallo-rossi nel cuore è e sarà per sempre..."

Pedro Pablo Pasculli

Ultimo commento: "Grandissimo"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Persona leale sincera e vera ecco perché mister Mazzone lascia il segno dove approdava grande uomo"

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un grande ottima visione di gioco nel centrocampo dell'epoca."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Una classe cristallina"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche