Resta in contatto

News

Bjorkengren: “Corini mi ha dato fiducia e coraggio. In Serie A? Sì, ma solo con il Lecce”

Il centrocampista giallorosso ha parlato stamattina in conferenza stampa, pronunciandosi sulla sua prima fase di esperienza al Via del Mare.

CRESCITA. Mi sento sempre più a mio agio negli ultimi tempi in giallorosso. Credo di aver fatto bene nelle ultime tre gare, di essere riuscito a mettere le mie capacità a disposizione della squadra e questa è la cosa più importante. Sono finalmente riuscito ad esprimermi sui miei livelli. Tuttavia sono convinto di poter fare sempre meglio e crescere ancora in questa squadra”.

GRAZIE CORINI. “Le ragioni della mia crescita sono da rintracciarsi sia su aspetti personali, che di squadra. A livello personale ho acquistato fiducia in me stesso e coraggio. Poi, con il tempo, ho conosciuto sempre di più i miei compagni di squadra e quello che il mister mi chiedeva. All’inizio non è stato semplice, sia per ragioni di lingua, per le quali i compagni mi hanno aiutato, poi per aspetti tattici. Da subito a Lecce si parlava di tattica ed io non ero abituato, ma sono entrato sempre di più nei meccanismi grazie al mio impegno ed al lavoro costante su di me di Corini“.

RUOLO. “Il mio ruolo richiede un gran lavoro sia difensivo che offensivo, sono due aspetti su cui è molto importante che io lavori. Mister Corini mi chiede di partire da un atteggiamento accorto e da una posizione bassa, a protezione della difesa, per poi avanzare ed essere presente e propositivo in fase offensiva realizzativa. So di non essere il giocatore più tecnico del Lecce, ma so anche di poter crescere e fare meglio anche in zona gol dopo essermi sbloccato. Gli schemi e la filosofia del tecnico mi aiutano tanto in questo”.

NAZIONALE. “E’ difficile indicare chi della Svezia Under 21 potrebbe giocare a Lecce. Ce ne sono davvero molti, e tantissimi di loro sarebbero felici di venire qui. Credo che darebbero una grossa mano alla nostra squadra”.

IBRAHIMOVIC. “E’ il più grande giocatore della Svezia, lo seguo da sempre ed ovviamente ora che sono in Italia lo seguo ancora di più. Leggo sui giornali sia delle sue partite sia di quanto fa fuori dal campo, come ad esempio del fatto che ora andrà a Sanremo”.

CONSIGLI. In Under 21 ho giocato con Kulusevksi e Ingelsson, che giocano in Italia. A loro ho chiesto delle informazioni prima di arrivare nel Salento, e tutti e due mi hanno parlato molto bene del Lecce“.

IDA BENGTSSON. “Chi è cresciuto di più tra me e la mia ragazza da quando siamo arrivati a giocare nel Lecce? Beh, al momento direi io”.

SERIE A. “Non seguo molto il massimo campionato italiano al momento, in tv sono più solito guardare il campionato svedese e la Premier League. Tuttavia sì, il mio sogno è arrivare a giocare nel massimo campionato italiano, ma voglio farlo solo con il Lecce“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Boniek purtroppo era invidioso di lui, perché non arrivava al suo livello. Come faceva a dirigerlo?"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da News