Resta in contatto

Approfondimenti

Tuia, la prima garanzia per la difesa di Baroni

Il difensore nato a Civitacastellana è il primo acquisto della sessione estiva. Dopo nove stagioni in Campania tra Benevento e Salernitana, torna in Serie B a seguito del primo campionato vissuto in A.

Alessandro Tuia è il volto nuovo della difesa che, agli ordini di Marco Baroni, cercherà di dare più garanzie rispetto alla storia recente. Il 31enne è approdato al Lecce con l’ufficialità della tarda mattinata odierna, è il più classico dei colpi a fari spenti centrati prima dell’entrata nel vivo del calciomercato. Corvino si è assicurato le prestazioni del centrale, in scadenza con il Benevento, e gli ha fatto firmare un biennale con opzione per il terzo anno.

La storia sportiva di Tuia comincia nel settore giovanile della Lazio dopo la soddisfazione di esser stato un perno della Nazionale Under 16 e 17 agli ordini del ct Rocca. Con la Primavera biancoceleste vive due stagioni importanti: tra i suoi compagni Faraoni, Cinelli (ora al Venezia), Cavanda e Kozak. E’ proprio Marco Baroni, suo prossimo allenatore al Lecce, a mettere fine all’avventura della poule scudetto del giugno 2009: il Siena del trainer fiorentino eliminerà infatti la Lazio. Pochi giorni prima, Delio Rossi regalò a Tuia la soddisfazione dell’esordio in A nei 12′ finali della sconfitta contro la Juventus.

Lo svezzamento del difensore passa da Monza, dove vive due anni in Lega Pro 1 per totali 44 presenze. Coi brianzoli giungerà anche il primo gol in gare ufficiali, in Coppa Italia: l’8 agosto del 2010, Tuia decide ai supplementari la vittoria per 2-1 sull’Entella. Nel 2011/2012 il difensore firma una comproprietà con il Foligno, ma la stagione sarà infausta per gli umbri, ultimi nel Girone B. Tuia decide così di scendere un altro scalino, ma in una piazza prestigiosa. La Salernitana tessera, via Lazio, il giovane difensore per cercare di ritornare in categorie importanti.

Tuia e la Salernitana sarà un matrimonio lunghissimo, lungo sei stagioni. Al primo anno è subito (ex) C/1, dove sarà titolare della difesa di Sanderra e Menichini. I due allenatori utilizzano Tuia anche da terzino destro. Proprio in quella posizione, l’ex Lazio affronta il Lecce, che vincerà 1-3, all’Arechi. Nel 2014/2015, la Salernitana domina il girone e vola in Serie B. Per Tuia i caps saranno 26. Da ricordare la prima partita con la fascia di capitano al braccio (Cosenza-Salernitana 0-0) e, dopo due assist, il primo gol in granata, segnato al Savoia in un insidioso derby.

La rottura del crociato anteriore del ginocchio destro gli nega un ruolo importante al primo anno in Serie B, dove incontrerà Massimo Coda. Terminata la rieducazione, Tuia debutta in cadetteria in casa del Cesena e contribuisce alla salvezza della Salernitana di Menichini giocando da titolare le due gare vinte ai playout con il Lanciano. Nelle due annate successive, con Bollini e Colantuono, Tuia gioca da centrale in pianta stabile e, spesso in compagnia dell’ex giallorosso Schiavi, porta all’obiettivo la Salernitana. La lunga storia con la squadra dell’Ippocampo si chiude nel  2018 con un contratto non rinnovato.

Il Benevento, dove l’anno prima era arrivato Coda, fiuta l’affare e lo acquista. Dopo una stagione con sole 6 presenze, Tuia diventa titolare nel  4-4-2 della squadra da record di Pippo Inzaghi. Centrale di destra, Tuia agisce al fianco di Christian Maggio. Nell’anno della promozione dei sanniti in A, i gol del difensore saranno addirittura tre: tutti in gare vinte dalla Strega con Chievo, Empoli e Ascoli.

Nella massima serie, Tuia arriva in punta di piedi e l’inversione di rotta verso la difesa a tre lo rende il terzo centrale più utilizzato per minutaggio dopo Barba e Glik. La stagione sarà da dimenticare per il rovinoso girone di ritorno che annulla i buoni segnali fatti vedere nella prima parte di campionato, ma Tuia non dimenticherà sicuramente la prima rete, anche questa decisiva, segnata in A nell’1-2 di Cagliari.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Maui
Maui
1 mese fa

Però ha rotto entrambi i crociati nel 2007 e nel 2015…..chissà….speriamo bene….,che non sia un altro dermaku …..

Ernesto
Ernesto
1 mese fa

Sig, Corvino,sulla destra perché non riprende Venuti,?qui ha fatto bene

Giuseppe
Giuseppe
1 mese fa

Tua a Benevento prese il posto di Lucioni che aveva firmato col Lecce

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Giocò già a lecce

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Qualche dubbio sul rinnovo di Lucioni?

RDN
RDN
1 mese fa

No

Franz
Franz
1 mese fa

Ottimo colpo…del direttore.?❤

Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima di scrivere di sor Carletto dovevate sentire lui e stato citato tutto ma le sue vere origini. Fu scoperto da Costantino Rozzi e le vere gesta la..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Il talento più puro che abbia indossato la maglia giallorossa..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "I mercenari non devono aver voce in capitolo.... quelli passano....i miti invece restano immortali"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Grandissimo Kecco anche come allenatore...non ha la fortuna di altri... però è vero anche che in quella circostanza lo ricordo benissimo il..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "'Grande Beto"
Advertisement

Altro da Approfondimenti