Resta in contatto

Esclusive

Hallgrímsson (Akureyri.net): “Fisicità, visione di gioco e mentalità. Bjarnason può essere presente e futuro del Lecce”

Abbiamo intervistato il collega Skapti Hallgrímsson, redattore capo (e presidente per 10 anni della stampa sportiva d’Islanda) della testata Akureyri.net, la principale della città da cui proviene Brynjar Ingi Bjarnason. Il giornalista islandese ci ha presentato nel dettaglio il neo giallorosso.

Com’è per un giovane appassionato di calcio crescere in una città come Akureyri?

“Secondo me è molto bello. Abbiamo due squadre ed entrambe prestano davvero grande attenzione al calcio giovanile ed ai giovani calciatori. Ci sono ottime strutture, sia indoor che outdoor in erba naturale e sintetica. Inoltre ci sono allenatori qualificati sia per ragazzi che per ragazze anche di giovanissima età”.

Nelle giovanili del KA, Bjarnason veniva già considerato come un talento di prospettiva?

“Nei primissimi anni da giovane calciatore era ovviamente più piccolo e per la sua rapidità veniva impiegato come ala destra. Poi, a 16 anni, crebbe in un solo inverno di qualcosa come 15-20 centimetri, passando dall’essere il più basso all’essere il più alto ragazzo nella squadra giovanile del KA. Solo all’inizio della stagione 2017 venne arretrato nel ruolo di difensore centrale. Mi disse che capì subito che quella sarebbe stata la miglior posizione per lui”.

Cos’hai pensato le prime volte che hai visto giocare il neo giallorosso con la prima squadra gialloblù?

“Già sapevo che sarebbe potuto diventare un ottimo giocatore. E’ una tipologia di calciatore di classe ed eleganza, bravo con il pallone, abbastanza veloce, forte fisicamente e con una buona visione di gioco. E’ un ragazzo posato, come calciatore e come uomo, ed ha i piedi ben piantati per terra. E’ ancora molto giovane e può crescere molto”.

Hai avuto qualche retroscena del suo trasferimento al Lecce?

“So che davvero tante squadre hanno chiesto di lui. I primi contatti li hanno avuti il Lecce, il Sochi ed i campioni di Svezia del Malmo, assieme a diverse squadre della Scandinavia. Si è parlato di cifre vicine ai 300mila euro, ma so che questo esborso da parte dei giallorossi può essere raggiunto solo con una lunga serie di bonus”.

Cosa pensano gli islandesi di Bjarnason? Pensi che possa diventare un nuovo Ragnar Sigurðsson?

“Questa è sicuramente una bella domanda. Penso comunque che a tantissimi islandesi sia piaciuto molto nelle prime tre caps con la maglia della Nazionale. E’ curioso il fatto che non abbia mai giocato una gara con la maglia delle giovanile islandesi perché solo più in là ha iniziato a giocare in difesa e per questo il suo talento non era conosciuto a molte persone. E’ arrivato nella prima squadra del KA nel 2019 e da allora ha fatto davvero benissimo nel massimo campionato, mentre prima ha fatto soprattutto esperienza altrove. Contro Messico, Far Oer e Polonia ha avuto le grandi occasioni di giocare per le assenze di alcuni titolari del reparto, ma si è fatto trovare pronto. Non so se sarà il nuovo Ragnar Sigurðsson, ma credo possa avere un ruolo importante nel futuro dell’Islanda e che possa diventare un grandissimo calciatore. In coppia con Hermannsson si è ben comportato, poi c’è Ingason che dovrebbe essere il principale titolare nel ruolo”.

Come pensi possa trovarsi nel calcio italiano con la maglia giallorossa?

“Tradizionalmente agli italiani piacciono i bravi difensori, quindi per me non sarebbe una sorpresa se doveste amarlo da subito. Avere un grande ex difensore come allenatore può essere una cosa molto positiva per lui. Vista la caratura del nuovo campionato non so se potrà essere un titolare da subito, ma sono certo che con pazienza e dopo un po’ di adattamento sarà un’ottima risorsa per il Lecce, presente e futuro. Ha tanto da imparare e sono certo che lo farà”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Un calciatore esemplare, un campione che avrebbe meritato di più. Purtroppo come regista nella sua Argentina c'era un certo Diego Maradona... ma..."

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Volevo dire Curva Nord, ma è uscito Curva Sud. Un lapsus, dovuto al contenuto del mio intervento...."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Barbas era il numero 1 gli altri tutti dietro, chi non è più giovane e ha visto giocare Beto ti dice senza paura di essere smentito che era uno dei..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Per chi era tutte le domeniche allo stadio e un ricordo che ancora oggi si sente la mancanza si sente soprattutto come spogliatoio nonostante era di..."

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."
Advertisement

Altro da Esclusive