Resta in contatto

News

Cremonese, Pecchia: “Servirà affrontare la B con l’atteggiamento della Nazionale”

L’allenatore grigiorosso ha commentato la stagione che verrà. Queste le dichiarazioni riportate da Pianeta Serie B.

“Non siamo partiti subito fuori sede, ma sin dal primo giorno abbiamo iniziato a lavorare. Ho ritrovato praticamente tutti in buone condizioni. Tenendo conto del nostro programma abbiamo già iniziato a lavorare, i vecchi era già lo conoscono mentre ai nuovi servirà tempo per adattarsi». 

La società ha messo a disposizione del mister un gruppo già numeroso: «Sono contento del lavoro del club, abbiamo potuto riportare qui giocatori che c’erano già, gli obiettivi che ci siamo prefissati sono stati raggiunti. Sono contento e chiaramente abbiamo ancora tanto da lavorare e chiaramente il mercato è ancora lungo. Obiettivo da raggiungere? La squadra dev’essere riconoscibile, avere una propria identità e lavorare su quanto fatto nella seconda parte della scorsa stagione. Stiamo gettando le basi, i nuovi arrivati ci daranno tanto per energia e qualità”.

“Servirà tempo per vedere di cosa ha bisogno la squadra e come si integreranno le qualità dei nuovi giocatori. Ci aspetta un momento di valutazione per capire come abbiamo operato sul mercato e come si sta formando la rosa. Ci sono i numeri per dare un senso agli allenamenti, era uno dei miei obiettivi. Lavorare con una base concreta in giorni in cui non c’è la pressione pre gara permette di conoscersi meglio e concentrarsi su altri aspetti. I primi acquisti stagionali? Okoli ha una struttura e fisicità importanti, spero possa darci di più sulle palle inattive che dobbiamo sfruttare molto di più rispetto allo scorso anno. Collodel è un giocatore patrimonio del club e porta dosi di entusiasmo ed energia, così come è stato con Nardi e Valeri. Zanimacchia abbina qualità e quantità, può ricoprire tutti i ruoli della trequarti e mi auguro possa essere più decisivo sotto porta perché ne ha le capacità. Sulla fascia chiedo tanti sforzi e ci servono ricambi di qualità.

“Vido? Giocatore di qualità a cui abbina una buona dose di forza. Credo che Luca sia in grado di giocare come punta o trequartista, per me è un giocatore abbastanza definito. Lo voglio molto più vicino alla porta, che sappia rifinire e concludere, giocherà il più centralmente possibile. Migliorarsi è sempre possibile, anche a prescindere dall’aggiunta di uno o più elementi. Adesso possiamo lavorare con attenzione sugli inserimenti dei quattro ragazzi nuovi capire di cosa ha bisogno la squadra per poi fare tutte le valutazioni del caso. L’importante è mantenere alta la cultura del lavoro, le scelte verranno fatte tenendo solo esclusivamente di questo: mantenere un gruppo solido che ci permetta di affrontare il campionato. Bisogna tenere in squadra solo chi vuole starci fortemente, al di là dell’impiego che ha. Le valutazioni che faremo saranno sia in entrata che in uscita, ma lo stesso vale per altre società. Tra me e il club il contatto è chiaro e diretto, prenderemo in considerazione altri obiettivi. Amichevoli? Negli anni mi sono reso conto che sono partite che mi davano troppo poco. Preferisco le partite tra di noi, in cui il confronto è alto e c’è concorrenza”. 

“Abbiamo impostato la preparazione in maniera tradizionale, con una serie di microcicli. Domani faremo una partita fra di noi che ci permetterà di avere più contatto con la palla. Quello che cambia in queste settimane non è il carico, ma l’intensità e il tempo in campo. L’abbiamo provato già due anni fa a Torino nel post lockdown e ha funzionato. Quando saremo su faremo doppi allenamenti mirati, il più possibile con la palla. Le vere partite allenanti sono quelle contro squadre di Serie B e Serie A, più se ne fanno più la squadra si può abituare al ritmo del campionato. Atteggiamento? Mi piace pensare all’Italia, che a volte dominava le gare con un atteggiamento aggressivo ma che ha anche saputo soffrire e tenere il campo per poi tornare a fare il suo gioco. In un campionato lungo come la Serie B serve avere questo tipo di identità e le capacità di gestire i momenti di difficoltà. Bisognerà lavorare su questo. Ovviamente è impensabile pensare di poter mantenere per 40 partite un ritmo del genere, ma dev’essere un nostro obiettivo. Mi auguro di riavere gli stadi pieni per avere la capacità di essere aggressivi davanti ai nostri tifosi, anche se servirà la stessa mentalità negli altri campi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Kecco Moriero faceva parte del Cagliari che guidato da Carletto Mazzone arrivò 6° nel campionato 1993/94 giocando come "ala destra" insieme a..."

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Lorusso è il giocatore simbolo di tutta la storia calcistica del lecce. È stato un grande è stato tra i primi giocatori ad essere molto altruista..."

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "Sei stato un grande. E che dire di quelle punizioni di collo esterno. Magiche"

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Prima di scrivere di sor Carletto dovevate sentire lui e stato citato tutto ma le sue vere origini. Fu scoperto da Costantino Rozzi e le vere gesta la..."

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Il talento più puro che abbia indossato la maglia giallorossa..."
Advertisement

Altro da News