Resta in contatto

News

Ventura:  “Il Pisa una sorpresa? Più una crescita step by step”

L’ex allenatore della Nazionale, ben ricordato nella sua carriera sia a Pisa sia a Lecce, ha parlato della sfida di sabato a Pianeta Serie B

PISA UNA SORPRESA? “I punti naturalmente possono servire ma manca così tanto al traguardo che questi ultimi diventano secondari. Una vittoria ed una prestazione, soprattutto, in questa partita andrebbe ad aumentare consapevolezza, autostima e la certezza di essere protagonista in un campionato in cui ci sono almeno 6/7 squadre che possono affermarsi. Di solito c’è sempre una sorpresa quest’anno è difficile individuarla, forse la sorpresa è proprio il Pisa mentre tutte le altre che sono lì hanno dichiarato di voler salire di categoria.Il Pisa è arrivato a questo livello con una crescita step by step fatta anno per anno, con giocatori in più per ogni stagione e la consapevolezza che è aumentata col passare del tempo. Le altre hanno l’obbligo di vincere, il Pisa è lì col piacere di esserci”.

LUCA D’ANGELO. “Credo che D’Angelo stia crescendo benissimo e la sua crescita va di pari passo con quella della squadra e della società. È un punto fermo ed il punto di riferimento altrimenti non resti tanti anni nella stessa squadra. Lo scorso anno il Pisa ha fatto vedere un buon calcio e quest’anno, glielo auguro, potrebbe crescere ancora di più. Non conosco D’Angelo ma lo vedo introverso e chiuso ma come tutti gli allenatori vive con quell’adrenalina che viene da dentro, la voglia feroce di fare calcio. Mi auguro che riesca a portare il percorso fino in fondo: Pisa è una città che ama e vive di calcio. Ho un ottimo ricordo dei pisani, dell’affetto che hanno nei confronti della squadra e dei colori. Quando ho avuto il piacere di allenare il Pisa avevamo l’Arena sempre piena e ricordo con molto piacere un aneddoto legato alla prima trasferta vinta: tornati dalla vittoria di Bari all’aeroporto ci aspettavano 2 o 3mila persone: un connubio città squadra incredibile. Per fortuna, a differenza degli anni recenti, questo connubio ora coinvolge anche la società e ci sono gli ingredienti per sognare qualcosa di bello”.

LUCCA. “Lucca ha dimostrato di avere delle potenzialità però come tutti i giovani deve essere difeso, tutelato ed aiutato. Deve capire che è arrivato dove è attraverso i sacrifici ma capire anche che non è sufficiente e deve continuare così. Sono d’accordo sulla sovraesposizione: in Italia bastano due gol per essere esposto oltremodo e sta alla società tutelare un ragazzo giovane e difenderlo per dargli il tempo di crescere. Sono pochi quelli che sbocciano ed arrivano immediatamente: gli altri ci arrivano attraverso passaggi e percorsi di tempo e bisogna dare del tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News