Resta in contatto

Rubriche

Penna in Trasferta – Orlandin (Lo Spallino): “Strefezza oltre ogni previsione. Lecce la squadra più talentuosa”

Il collega Alessandro Orlandin ha raccontato nel dettaglio la situazione in casa biancazzurra nella nostra rubrica dedicata al punto di vista avversario.

Che partita ti aspetti al Via del Mare?

“Sarà una gara difficile per una SPAL che non ci arriva alla grande, soprattutto dal punto di vista delle energie mentali. E’ vero che con il Cosenza ci si è salvati all’ultimo, ma gli ultimi due scontri diretti hanno fatto emergere i fantasmi di una squadra indecifrabile già visti in precedenza. Contro le grandi, poi, la SPAL non ha mai vinto, pur giocandone alcune bene in casa”.

Come giudichi ad oggi i campionati di SPAL e Lecce? Pensi raggiungeranno i rispettivi obiettivi?

“Di quelle davanti, Lecce e Cremonese mi sembrano le squadre più attrezzate per farcela. In particolare vedo i giallorossi fortissimi dal punto di vista del talento puro. Guardando i numeri, poi, il campionato dei giallorossi è stato straordinario, i salentini con le piccole perdono pochi punti e hanno grande equilibrio. La SPAL ha avuto un’annata turbolenta, partendo con il calcio avanguardista di Clotet che però non si può applicare quando il tuo obiettivo alla salvezza. Così a gennaio si è cambiato diametralmente, passando ai principi più concreti di Venturato. Visti i ritmi a cui viaggiano le ultime la permanenza appare decisamente alla portata, ma continuando così i biancazzurri rischiano di salvarsi soprattutto per altrui demeriti”.

Quanto rammarico c’è a Ferrara nel vedere uno Strefezza così fenomenale in giallorosso, soprattutto per la modica cifra a cui è partito?

“Strefezza è andato via per una cifra che, purtroppo, viste le circostanze ci poteva stare. Non poteva perderlo a zero ed ha dovuto trovare un compromesso al ribasso. Credo che comunque nemmeno nelle più rosee previsioni di Corvino si sarebbe potuto immaginare un cammino del genere. A Ferrara in tanti anni aveva mostrato bagliori, mancando però di continuità a livello di prestazioni e di una precisa collocazioni tattiche. Credo sia arrivato al momento giusto in un contesto già collaudato che ne ha esaltato le doti. E soprattutto che stia raggiungendo la sua maturità nel Salento”.

Sarà una gara speciale anche e soprattutto per due grandi ex Lecce come Biagio Meccariello e Marco Mancosu

Meccariello non ha giocato con il Cosenza lasciando perplessi in tanti, visto che da quando è arrivato ha fatto meglio di Vicari. Venturato ha poi detto di averlo risparmiato in quanto diffidato e questo vuol dire due cose, ovvero o che il tecnico considera Meccariello un elemento a cui non rinunciare in alcune gare più dure o che lui stesso ci tenesse particolarmente a non saltare la sfida di Lecce. In generale il difensore ha avuto un impatto buono in biancazzurro e penso sarà uno dei pilastri per prossima stagione a prescindere da quali saranno gli obiettivi. Mancosu è stato al centro delle critiche dopo il rigore sbagliato con il Cosenza che avrebbe potuto dare un altro indirizzo alla sfida, ma più in generale perché ha giocato malino. Non è al meglio fisicamente, ma il giudizio su di lui resta positivo. Ha infatti fatto la sua parte dal punto di vista realizzativo e, soprattutto, nel momento di più grande difficoltà si è caricato la squadra sulle spalle, dimostrando personalità e leadership da calciatore importante. Ha avuto delle pause, sì, ma alla sua età glielo si può concedere. Senza di lui la SPAL avrebbe avuto il doppio dei problemi”.

Come dovrebbero scendere in campo gli estensi contro i giallorossi?

“Gli assenti saranno lo squalificato Dickmann e gli acciaccati Zuculini e Rossi, anche se quest’ultimo è in dubbio come Viviani, che ha preso una botta alla caviglia e va valutato. Venturato dovrebbe optare per un 4-3-1-2 con Alfonso tra i pali. In difesa Almici o Peda a destra, Meccariello-Capradossi centrali e Celia. A metà campo Viviani affiancato da uno tra Zanellato e Da Riva con Pinato. Mancosu trequartista, con Vido e Colombo da punte”.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Rubriche