Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Baschirotto: “Dopo il gol ho rivisto tutta la mia carriera. Io l’idolo di Lecce? In me vedono la speranza…”

Il difensore del Lecce è stato ospite di Sportitalia Mercato per parlare della sua avventura dalla Serie D alla massima categoria con i salentini.

Federico Baschirotto si presenta così al pubblico descrivendo il suo momento: “Io l’idolo di un popolo intero? Sto vivendo un sogno ad occhi aperti, sono partito dal niente e sono arrivato sull’Olimpo, non mi aspettavo la conferma in una categoria così. Nella corsa che ho fatto tagliando il campo dopo il gol ho rivisto tutti i dieci anni a combattere per raggiungere il mio sogno. La mia corsa infinita simboleggia la strada lunga e tortuosa per raggiungere i miei tifosi a festeggiare. Ho fatto tanti sacrifici e sono contento di averli fatti, come uomo e calciatore. Ora mi sto togliendo tante soddisfazioni e continuo a farli”.

LE VACANZE…A LAVORARE. Il difensore giallorosso racconta le sue speciali “vacanze” passate ad aiutare l’impresa della famiglia: “Io torno dalla mia famiglia contento di stare con loro e li aiuto nell’azienda agricola che ha mio papà, è stato lui a insegnarmi lo spirito di sacrificio, grazie a lui ho questo valore. Per questo quando sto a casa do una mano durante le vacanze estive. Cosa faccio? Aiuto nei campi a mettere le canalette per i pomodori, spazzo le stalle…lavori umili che fanno apprezzare ciò che è di buono della vita. Il fisico? Dedizione, costanza e motivazione. Col fisico ho compensato le mancanze tecniche, almeno sotto l’aspetto fisico non ho alibi e mancanze. In palestra sto 3-4 ore al giorno per curare addome, mobilità e muscoli. Il corpo è una macchina che porto avanti per avere prestazioni e longevità nel calcio. Quanto alzo di panca piana? Almeno 140 chili”.

LA TRATTATIVA CON IL LECCE. Baschirotto racconta le sue motivazioni legate al passaggio in giallorosso: Io sono venuto in Serie A per mettermi in gioco, il ruolo fa poca differenza, metto a disposizione ciò che so fare. Da centrale mi trovo bene, va bene continuare su questa strada. Una grande integrazione a Lecce? Perché sono una speranza del popolo, dal niente ce l’ho fatta e tanti si rivedono in me. Sono una speranza del ‘chi ci crede veramente ce la fa'”.

IN CASO DI SALVEZZA. Il calciatore di Isola della Scala poi conclude: “Io prometto di dare me stesso ogni partita per sudare e onorare la maglia. Ed è ciò che farò. Lunedì tornerò a Lecce e da martedì saremo al lavoro”.

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da News