Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Penna in trasferta – Masucci (CalcioSalernitana.it): “Il Lecce sta sorprendendo. Granata più guardinghi venerdì”

Il collega Stefano Masucci ha raccontato nel dettaglio la situazione in casa granata nella nostra rubrica dedicata al punto di vista avversario

Che partita ti aspetti al Via del Mare?

“Sicuramente mi aspetto una Salernitana più guardinga, non dico sulla falsariga dell’atteggiamento mostrato contro il Napoli, in ogni caso rinunciatario, ma sicuramente più accorta e con un baricentro più basso. All’andata i tanti spazi concessi (penso al gol di Ceesay) sono stati pagati a prezzo carissimo, e poi la scoppola con l’Atalanta impone un baricentro più basso e più densità in mezzo al campo, anche a costo di perdere qualcosa in termini di pericolosità offensiva. Il Lecce dopo la sconfitta con il Verona punterà a fare punti, questo è certo, provando a sfruttare anche il grande entusiasmo dell’ennesimo sold-out. Ma non penso che lascerà le praterie agli avversari, anche perché un’altra sconfitta (questa volta interna), contro una diretta concorrente, farebbe forse suonare un campanello d’allarme”.

Come giudichi ad oggi i campionati di Salernitana e Lecce? Pensi raggiungeranno i rispettivi obiettivi?

“Il Lecce è per me la tre principali sorprese del campionato. Ha chiuso il girone addirittura con qualche rimpianto, ha messo sotto in casa Milan e Lazio, ha vinto all’Arechi esprimendo grande organizzazione. Non posso esimermi da fare il mio personalissimo mea culpa nei confronti di Pantaleo Corvino. Credo che non avrà problemi a salvarsi, anche perché è una squadra che può fare punti contro chiunque. Anche la Salernitana riuscirà a salvarsi, a patto però di trovare equilibrio, fondamentale nei momenti più difficili della stagione. Fino ad ora il campionato in sé è anche stato in linea con l’obiettivo salvezza, c’è margine sulla terzultima, al netto del periodo complicatissimo. Probabilmente i proclami di inizio anno hanno alzato troppo l’asticella verso l’alto, anche in questo occorre mettere da parte ambizioni e pensare a lottare con il coltello tra i denti, già a partire da Lecce”.

Che clima si respirerà nel settore ospiti dopo i recenti malumori?

“Si inciterà la squadra senza se e senza ma. Il malumore c’è, ma la miglior risposta è stata il sold-out del settore ospiti già diversi giorni prima del derby con il Napoli. Anche dopo il ko con la squadra di Spalletti non è mancato qualche fischio, per l’atteggiamento rinunciatario, e per il presidente Iervolino, cui è stato dedicato uno striscione per richiedere impegno in prima persona per risollevare la situazione. Ma nel corso dei 90’ il supporto è stato incessante, come sarà anche a Lecce, in una sfida sentita al di là della categoria in particolare modo da entrambe le tifoserie. Contro l’Atalanta più del risultato ha pesato moltissimo l’atteggiamento della squadra, passiva, senza alcun tipo di cattiveria agonistica o scatto d’orgoglio. Vorranno vedere soprattutto impegno e “cazzimma” gli oltre mille supporters granata”.

Come dovrebbero scendere in campo i campani contro i giallorossi?

“Nicola deve sciogliere il nodo tra il 4-3-3 utilizzato contro il Napoli, che ha restituito un po’ di certezze difensive, e il 3-5-2 che resta il suo marchio di fabbrica. Il sistema di gioco dirà tanto anche sugli interpreti, ma ci sono giocatori come Candreva o Daniliuc che potrebbero anche garantire un cambio in corso. Probabile l’esordio di Troost-Ekong, anche in virtù delle assenze di Fazio e Gyomber, così come Crnigoj dovrebbe rientrare almeno tra i convocati. Conferma in arrivo per uno tra Lovato e Pirola, certi di una maglia anche Piatek e Dia in avanti”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Che voto merita il mercato invernale del Lecce?

Ultimo commento: "Ma non puoi pretendere di essere un oracolo chiaroveggente sensitivo,pranoterapeuta, cartomante,e se ti dovessi sbagliare?????dove ti vai a..."

Gol dell’anno 2022, vince il siluro di Colombo che ha fatto tremare il Maradona (VIDEO)

Ultimo commento: "Giusto non abbassare la guardia, i conti si faranno alla fine, complimenti fin'ora più che meritati ma guai a scendere in campo convinti che..."

SONDAGGIO – Pallone d’oro giallorosso, chi è stato il miglior calciatore del Lecce 2022?

Ultimo commento: "La fascia da capitano la merita Hiulmand. Grandissimo calciatore di buonissima visione di gioco."
Advertisement

Miti

Uno dei tecnici più vincenti del Lecce

Carlo Mazzone

L'ariete d'area del Lecce

Cristiano Lucarelli

Uno degli idoli dei tifosi del Lecce

Ernesto Javier Chevanton

Tra i più grandi prodotti di sempre del settore giovanile

Francesco Moriero

Lo storico capitano del Lecce

Guillermo Giacomazzi

"Beto", uno degli immortali giallorossi

Juan Alberto Barbas

Bandiera e leggenda giallorossa

Michele Lorusso

Uno dei più forti attaccanti giallorossi

Mirko Vucinic

Bomber giallorosso per sette stagioni

Pedro Pablo Pasculli

Altro da Rubriche