Resta in contatto

News

Pessina, dal Lecce alla Champions: “Immagini bellissime. In futuro…”

Il centrocampista lombardo, meteora a Lecce nel 2015, festeggia la Champions League raggiunta con l’Atalanta e non vuole fermarsi.

Leggerino, timido, ancora acerbo. Sono stati questi gli aggettivi . Il classe 1997 ha commentato la stagione ai microfoni di CalcioAtalanta.it dopo la qualificazione in Champions League della squadra bergamasca partendo forse dal punto che già all’inizio sembrava compromettere tutto: “Immagine di questa stagione è quando siamo usciti a Copenaghen dall’Europa League: sembrava che davvero fosse finito tutto, in realtà ci siamo alzati più forti di prima e abbiamo raggiunto la Champions League che è ancora più alta dell’Europa League: questa è l’immagine più bella”.

Pessina rappresenta l’ennesima scommessa vinta dall’Atalanta e dal laboratorio che fa a capo a Gianpiero Gasperini, in odore di conferma. 20 presenze tra Serie A e Coppa Italia in un club che ha chiuso il campionato al terzo posto sono un grande risultato per il primo anno di massima serie.

Da queste latitudini, qualcuno già anni fa intravedeva del buono in Pessina. Il centrocampista fu portato a Lecce da Stefano Trinchera nell’estate nell’estate del 2015, la prima della nuova U.S. Lecce di Saverio Sticchi Damiani, allora presidente onorario.

L’oggi d.s. del Cosenza strappo’ il prestito dal Milan, che a sua volta lo prelevò dal Monza fallito. Con Antonino Asta in panchina, però, Pessina parte da titolare nella prima di campionato contro la Fidelis Andria (sconfitta 1-3) ma poi si perde e gioca 90′ solo una volta, contro l’Akragas.

Nelle (poche) apparizioni salentine, Pessina ha dimostrato numeri e grosse potenzialità in cabina di regia. Nel contesto di allora, però, non vi era tempo per attendere l’esplosione di talenti, vista la quasi “condanna” a vincere il campionato.

A gennaio, il Lecce risolve il prestito e Pessina s’accasa a Catania. La continuità di rendimento e l’ascesa del ragazzo avverrà però nel 2016-17, nel girone A di Serie C. Cifre importanti ( 9 gol e 3 assist in 35 presenze) col Como convincono l’Atalanta a investire 600mila euro.

Si rivelerà una somma ben spesa: Alla Spezia, Pessina si conferma in B e la quotazione, secondo i numeri di Transfermarkt, sale a 2 milioni. Il resto è storia recente, una Champions conquistata con un grande gruppo e un altro piccolo sogno da raggiungere: giocarla. Sembrano lontanissimi gli scetticismi del Salento

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Leggi qui il racconto dei mesi in giallorosso di Pessina […]

trackback

[…] ritornerà quindi da avversario al Via del Mare dopo un processo di maturazione che lo ha portato a giocarsi le proprie chance nella massima serie. L’anno scorso il debutto di fuoco e le grandi soddisfazioni con Gasperini, quest’anno […]

Advertisement

Carlo Mazzone

Ultimo commento: "Un grande uomo che di calcio ne capiva"

Juan Alberto Barbas

Ultimo commento: "'Grande Beto"

Mirko Vucinic

Ultimo commento: "Talentuoso attaccante,anche creativo ed efficace"

Michele Lorusso

Ultimo commento: "Come posso rivederlo"

Francesco Moriero

Ultimo commento: "Indimenticabile il gol al Piacenza quando giocava nell'Inter, si è fatto tutto il campo saltando gli avversari come birilli e segnando un gol da..."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da News